Teatro dei 3 Mestieri: apre la stagione “Io, Sarah. Ultime ore di Sarah Kane”

Read Time2 Minute, 12 Second

Io, Sarah. Ultime ore di Sarah Kane” inaugurerà venerdì 18 ottobre alle ore 21.00 (con replica sabato 19 allo stesso orario), la stagione “Umane Imperfezioni” del Teatro dei 3 Mestieri di Messina

Protagonista l’attrice Alice Sgroi che interpreta una grande e terribile storia d’amore e solitudine, mentre la regia è affidata a Giovanni Arezzo

Lo spettacolo narra una storia d’amore matto e disperatissimo. L’amore sa dare la vita, ma sa anche toglierla, sa guarire le ferite dell’anima o colpirla –l’anima –a morte. È questo amore estremo e straziante la goccia di veleno che ha fatto traboccare il vaso già colmo di disagio e lacrime di Sarah. 

Sarah è Sarah Kane, drammaturga inglese tra le più sconvolgenti e importanti per la drammaturgia contemporanea, oltre che per la mia storia artistica, che a ventotto anni ha deciso di togliersi la vita.

Presentazione spettacolo:

Tratto dal romanzo di Francesca Auteri, Io, Sarah. Ultime ore di Sarah Kane è un monologo post-mortem in cui a parlare è Sarah Kane, drammaturga inglese morta suicida a ventotto anni, uccisa dalla solitudine e dalla mancanza di amore.

Dopo essersi strangolata con i lacci delle sue scarpe nel bagno dell’ospedale psichiatrico in cui era ricoverata, nel tentativo di liberarsi delle sue ossessioni, Sarah – non-morta e in un non-luogo definito solo dallo scorrere del tempo – si ritrova a dover fare i conti con i suoi mostri, perseguitata dai pensieri che sono stati causa del suo stesso suicidio.

Tra ricordi, visioni e rimandi al suo teatro, Io, Sarah è un viaggio intimo tra le riflessioni di una donna appassionata e fragile, tanto capace di dare amore quanto desiderosa di riceverne, in bilico tra dannazione e salvezza, e che si ritrova costretta a dover decidere il proprio destino anche dopo la morte.

Sarah è già morta, Sarah è appena morta. Eppure pensa e parla e soffre e vuole fumare. Uno scarafaggio, una crepa sul muro, un foglio di carta con su scritta una lettera, sono i suoi unici interlocutori. E poi c’è lei, l’altra. L’amore infinito di Sarah, il suo centro e la sua musa. Nominata e invocata e maledetta, continuamente. Però, lei, in realtà non c’è, ed è proprio questo il dramma. Lei che c’era ma non abbastanza, che si fa aspettare invano, che sa amare ma non vuole, o vuole amare ma non sa.

IO, SARAH. ultime ore di Sarah Kane
Riduzione e Adattamento Giovanni Arezzo e Alice Sgroi
con Alice Sgroi
Regia Giovanni Arezzo
Assistente alla regia Gabriella Caltabiano
Produzione MezzARIA Teatro

Info e prenotazioni 090.622505 – info@teatrodei3mestieri.it
Teatro dei 3 Mestieri
S.S. 114 km 5,600 
Ingresso accanto distributore Esso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Corso di sceneggiatura cinematografica gratuito, iscrizioni aperte

Gio Ott 17 , 2019
L’ANAC, l’ Associazione Nazionale degli Autori Cinematografici italiani, in collaborazione con L’APA, SIAE e MiBACT apre a Roma la scuola di sceneggiatura cinematografica e televisiva intitolata a Leo Benvenuti.