Infrastrutture idriche: il Comune di Siracusa richiede finanziamenti per 25 milioni di euro

Read Time3 Minute, 19 Second

Portano il titolo di «Realizzazione di un nuovo campo pozzi in contrada Belfronte, ottimazione ambientale ed energetica, salvaguardia della falda di contrada S. Nicola»; e quello di «Mitigazione delle criticità in ordine ai carichi di portata di ingresso all’impianto di sollevamento primario dei liquami di contrada Fusco in occasione di importanti eventi meteorici».

E’ la richiesta di due finanziamenti, valore complessivo di 25 milioni, per altrettanti progetti che andranno ad intervenire su opere pubbliche fondamentali per la città, permettendo la creazione di un nuovo parco pozzi per l’acqua potabile ed il miglioramento ed ampliamento della struttura di trattamento dei liquami di contrada Fusco. «Il PNRR ha negato a tantissime Ati del Sud, e tra queste anche a quella di Siracusa, di richiedere finanziamenti specifici, nonostante la presentazione di una nostra proposta.

Contiamo adesso di superare il problema attraverso il ricorso ad altre fonti di finanziamento, in questo caso il Ministero della Coesione Comune”: lo dichiarano il sindaco Francesco Italia e l’assessore con delega al Servizio idrico integrato Giuseppe Raimondo che aggiungono: “Si tratta di opere fondamentali delle quali il nostro territorio ha un grande bisogno. Stiamo facendo un grande sforzo per superare questo ostacolo e ad assicurare al territorio delle opere delle quali si avverte un grande bisogno». Le risorse finanziarie sono quelle messe a disposizione dal Contratto Istituzionale di Sviluppo “Acqua bene comune”, e cioè fondi FSC 2021-2027 e una quota delle risorse della perequazione infrastrutturale di cui all’art. 15 del DL 121/2021. Il Comune è infatti uno dei soggetti titolati a presentare le proposte, insieme ad Amministrazioni Centrali, Regioni e Province Autonome, ISPRA, CREA, Enti di Governo degli Ambiti Territoriali Ottimali (EGATO), Gestori del Servio Idrico Integrato, Autorità di distretto idrografico, Consorzi di bonifica, Commissario di Governo per le procedure di infrazione, Commissari ZES, Enti Locali. Il primo finanziamento, quello del nuovo campo pozzi, riguarda un progetto finalizzato a garantire un incremento in termini sia qualitativi che quantitativi della fornitura idrica, garantendo al contempo la sostenibilità ambientale ed economica dell’approvvigionamento idropotabile. Il progetto ha l’obiettivo di sospendere totalmente l’emungimento di acqua ad uso potabile dai campi pozzi delle contrade San Nicola e Dammusi, che ha compromesso, insalinizzandola, la qualità della falda. Gli interventi previsti consistono nella realizzazione di un nuovo campo di 14 pozzi in contrada Belfronte. Il campo pozzi emungerà dal drenaggio profondo del fiume Anapo a circa 20 m dall’alveo; ed avrà una potenzialità stimata complessiva di circa 450-500 l/sec. La proposta di sospendere l’emungimento ed abbandonare lo sfruttamento degli attuali pozzi per i prossimi 30 anni, non impedirà di poter riutilizzare l’attuale falda idrica compromessa in caso di emergenza o calamità. Il finanziamento richiesto ammonta a circa 20 milioni di euro. Il secondo progetto riguarda il finanziamento di un intervento volto all’attenuazione del rischio idraulico causato dalla piena delle portate di fognatura mista, nera più meteorica, che giungono all’impianto di sollevamento di contrada Fusco. Il sistema di smaltimento delle acque reflue nere urbane, al momento, è caratterizzato da una fitta rete di canalizzazioni interrate per uno sviluppo di circa 640 Km con funzionamento a gravità; e da 64 stazioni di sollevamento che, tramite allacciamenti, consentono il convogliamento delle acque nere prodotte dagli scarichi degli immobili cittadini ricadenti all’impianto di sollevamento primario di contrada Fusco. Il progetto prevede la realizzazione di nuove opere tra le quali un’ulteriore vasca di stoccaggio, il miglioramento e l’ampliamento delle canalizzazioni esistenti. Insieme ad altri accorgimenti di natura tecnica, gli interventi assicureranno il controllo digitale di tutte le portate che pervengono, anche in caso di pioggia, alla stazione di pompaggio primaria di contrada Fusco. Questo consentirà lo “sfioro” sul Canale Grimaldi, e quindi sul Porto Grande, delle portate eccedenti con un grado di diluizione ammissibile; ed assicurerà sempre il trattamento ottimale dei reflui che pervengono all’impianto di depurazione di contrada Canalicchio. Il finanziamento richiesto ammonta a poco meno di 5 milioni di euro.

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Corso online interattivo per la qualità dei servizi ai migranti

Mar Ott 18 , 2022
Un corso e-learning per il miglioramento dei servizi sociosanitari rivolti ai richiedenti e titolari di protezione internazionale (Rtpi). È il nuovo modulo di formazione a distanza (Fad) che propone di migliorare i livelli di programmazione, di gestione e di erogazione dei servizi pubblici e amministrativi che sono rivolti a richiedenti […]