#Coronavirus #MuseiAperti in Sicilia, nessun panico

Read Time2 Minute, 14 Second

Domani visite gratuite in tutti i siti per prima domenica mese. Appuntamenti anche al Teatro Antico e ad Isola Bella

Niente panico da Coronavirus in Sicilia dove il 1 marzo, come è ormai abitudine per ogni prima domenica del mese, i musei, le aree archeologiche e i siti regionali sono aperti e ad ingresso libero. Per rendere l’offerta ancora più allettante, invitando soprattutto i siciliani ad “invadere” pacificamente i luoghi, sono numerose le proposte nei luoghi i cui servizi sono gestiti da CoopCulture. A Palermo come ad Agrigento dove sono aperti gratuitamente sia la Valle dei Templi – con un tour nelle antiche necropoli paleocristiane – che il Museo archeologico Griffo. A Palermo aperti gratuitamente fino alle 13, il Museo Archeologico Salinas e il Castello della Zisa, tra visite guidate a tema e laboratori gioco per bambini, in programma anche al Chiostro dei Benedettini a Monreale. Aperto fino alle 18 (ma con il pagamento del biglietto) l’Orto Botanico dove sarà proposta una visita guidata “green”.

Porte aperte ed ingresso gratuito anche nei siti del Parco Naxos Taormina ente che, insieme ad altri luoghi di cultura dell’isola, rientra nell’iniziativa della Regione Siciliana per accogliere tutti i visitatori desiderosi di vivere un giorno all’aria aperta e godere della bellezza del patrimonio archeologico, monumentale e artistico della Sicilia. I siti sono: Museo e area archeologica di Naxos, Teatro antico e Isola Bella a Taormina.
Due, come sempre, le proposte d’intrattenimento del Parco Naxos Taormina, diretto dell’archeologa Gabriella Tigano. Per famiglie con bambini, l’appuntamento è al mattino con i laboratori didattici realizzati in collaborazione con Civita Sicilia e le sue archeologhe. Tema del 1°marzo sarà “Un giallo al Museo”, con un’indagine che trasformerà i piccoli partecipanti in esperti detective a caccia di indizi fra i reperti nelle teche per risolvere uno strano caso. Appuntamento al bookshop del Museo di Naxos, alle 10.30. Per i grandi, invece, l’appuntamento stavolta è pomeridiano, sarà al Museo di Naxos ed organizzato come sempre in collaborazione con NaxosLegge e Fulvia Toscano: tema del giorno la preistoria e le tracce dell’uomo preistorico nel territorio. Si avvicenderanno due ospiti delle passeggiate archeofilosofiche della prima domenica del mese. Alle 16 comincia l’archeologo Massimo Cultraro che con “Segni e forme del sacro nella Sicilia prima dei Greci” illustrerà come il “bisogno di spiritualità” – e la ricerca di un essere superiore, di una divinità – fosse comune anche agli uomini e alle donne della preistoria. A seguire, dalle 17, l’astrofisico Andrea Orlando presenterà i risultati di un progetto durato cinque anni sul censimento dei siti rupestri della Valle dell’Alcàntara, fra tombe a grotticella e palmenti scavati nella roccia arenaria e persino grotte di scorrimento lavico custodite nella valle e frequentate dall’uomo preistorico.

Edgar Allan

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Coronavirus in Italia, il sondaggio: preoccupa al Sud, ottimisti i Lombardi. Si mangia meno fuori casa e si guarda più TV

Dom Mar 1 , 2020
L’attenzione degli italiani nei confronti della diffusione del Coronavirus sul territorio nazionale sta avendo due impatti principali sulla vita quotidiana: più informazione e più prevenzione