Pro loco d’Italia, salgono a 49 le “sagre di qualità”: ecco quali sono

Read Time3 Minute, 22 Second

In Sicilia possono fregiarsi del titolo la Festa del mare di Furci Siculo (Messina) e la Festa del grano di Raddusa (Catania)

Salgono a 49 le “Sagre di qualità” riconosciute dall’Unione Nazionale delle Pro Loco nelle prime due edizioni dall’istituzione del marchio. Alle 21 manifestazioni tenute nel 2018 e insignite del riconoscimento lo scorso anno, si aggiungono le 28 organizzate nel 2019, in 13 diverse regioni, e premiate recentemente nel corso della cerimonia svoltasi nella sala Koch di Palazzo Madama, a Roma, su iniziativa del senatore questore Antonio De Poli. Fra i principali requisiti per l’assegnazione del marchio, la valorizzazione dei prodotti tipici legati ai territori e di piatti rappresentativi della storia e della tradizione.

Attraverso la sapiente valorizzazione dei prodotti tipici – commenta il presidente dell’Unione Nazionale Pro Loco d’Italia Antonino La Spina – le sagre rappresentano anche una importante porta d’ingresso per scoprire i territori. In un momento in cui questo fenomeno è in costante crescita e nel quale non mancano le speculazioni, il marchio “Sagra di qualità” punta a identificare e certificare quegli eventi che hanno uno stretto legame con i territori e le produzioni locali”.

“La “Sagra di qualità” evidenzia l’attenzione dell’Unpli anche nel settore eno-gastronomico che per il tramite dei prodotti locali spesso conduce al rilancio delle tradizioni locali” aggiunge Sebastiano Sechi responsabile del dipartimento “Sagra di qualità” dell’Unpli.

Nel dettaglio l’istituzione del marchio punta alla valorizzazione dei prodotti tipici (Doc, Dop, o inseriti nelle banche dati dei prodotti agroalimentari tradizionali regionali) e alla promozione del cibo e dei piatti tipici della cucina tradizionale e contadina.

Attività che è stata riconosciuta anche dal protocollo siglato dall’Unpli con il ministero delle Politiche agricole; al centro dell’azione dell’Unione Pro Loco i prodotti tipici dei territori ed anche la tutela della cultura, del folklore, delle tradizioni, del turismo e dell’economia del territorio.

Fra i requisiti necessari all’attribuzione del riconoscimento “Sagra di qualità”, la promozione degli operatori locali del settore eno-gastronomico e turistico (quali produttori, ristoratori, artigiani, albergatori) come attività economiche correlate alla cultura del cibo, la storicità di almeno 5 anni; inoltre, la richiesta di valutazione deve essere inviata almeno 180 giorni prima dell’evento, cui seguono, come anticipato, un’analisi della documentazione e una verifica sul campo.

Sagre approvate 2019

  1. Auletta (SA) – Festival Del Carciofo Bianco
  2. Bisenti (TE) – Revival Uva e Vino Montonico
  3. Buttrio (UD) – Fiera Regionale Dei Vini
  4. Campli (TE) – Sagra della Porchetta Italica di Campli
  5. Campora S.G. (CS) – Festival della cipolla rossa di Calabria
  6. Canepina (VT) – Giornate delle castagne
  7. Casarsa della Delizia (PN) – Sagra del Vino
  8. Casteldidone (CR) – Sagra del Marubino
  9. Castro (BG) – Sagra del Casoncello
  10. Chambave (AO) – Festa Dell’uva
  11. Civita di Oricola (AQ) – Sagra degli gnocchi
  12. Cologna Veneta (VR) – Festa Del Mandorlato
  13. Colognola ai Colli (VR) – Sagra dei Bisi
  14. Fiamignano (RI) – Sagra delle Lenticchie di Rascino
  15. Furci Siculo (ME) – Festa del mare
  16. Golfo Aranci (OT) – Sagra del Pesce
  17. Mirabello (FE) – Sagra della Cotoletta Mirabellese
  18. Monserrato (CA) – Sa Fest’e Sa binnenna
  19. Montecorvino Rovella (SA) – Sagra della Braciola
  20. Montelupone (MC) – Sagra del Carciofo di Montelupone
  21. Montepagano (TE) – Mostra Regionale dei Vini Tipici
  22. Podenzana (MS) – Sagra del Panigaccio di Podenzana
  23. Quaglietta (AV) – Sagra dello Zenzifero di Quaglietta
  24. Samassi (SU) – Sagra del Carciofo
  25. San Gregorio Magno (SA) – Baccanalia
  26. Tavagnacco (UD) – Festa degli Asparagi
  27. Villanova (UD) – Sagre di Vilegnove
  28. Villa Di Tirano (SO) – Sagra della Mela e dell’uva

Sagre approvate 2018

  1. Baiano (AV) – Festa della nocciola
  2. Barile (PZ) – Festival Aglianico Tumact me tulez
  3. Borgonovo Val Tidone (PC) – Festa dla chisola
  4. Buonalbergo (BN) – Sagra del Ciammarrucchiello
  5. Chiusi della Verna loc. Corezzo (AR) – Festa del tortello alla lastra
  6. Costacciaro (PG) – Sagra dei Bigoli e dei prodotti del Parco del Monte Cucco
  7. Gesico (CA) – Sagra della lumaca
  8. Gonnosfanadiga (SU) – Sagra delle olive
  9. Melfi (PZ) – Sagra della Varola
  10. Miglionico (MT) – Sagra dei fichi
  11. Monte S. Savino (AR) – Sagra della porchetta
  12. Monte Santa Maria Tiberina (PG) – Sagra della Porchetta e dei Fagioli con le Cotiche
  13. Pederobba (TV) – Mostra Mercato Marroni del Monfenera
  14. Ponti sul Mincio (MN) – Sagra di S. Gaetano
  15. Raddusa (CT) – Festa del grano
  16. San Lorenzo Dorsino (TN) – Sagra della Ciuiga
  17. Sant’Omero (TE) – Sagra del Baccalà
  18. Sarconi (PZ) – Sagra del fagiolo
  19. Sellano (PG) – Sagra della Fojata e della Attorta
  20. Valentano (VT) – Sagra dell’agnello a bujone
  21. Valle di Soffumbergo (UD) – Festa delle castagne e del miele di castagno

Edgar Allan

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Viaggi invernali, ecco i trend delle perfette vacanze sportive sulla neve

Dom Gen 26 , 2020
Tra le mete invernali più ambite dagli sportivi per trascorrere le vacanze, il Trentino Alto Adige conquista il podio, anche se il Belpaese è diviso perfettamente a metà tra coloro che amano la montagna e quelli che preferiscono invece le spiagge e le temperature miti