Un Ddl per snellire la burocrazia negli eventi delle Pro Loco

Read Time1 Minute, 57 Second

Presentata in Senato un’ iniziativa che intende semplificare la normativa sulle manifestazioni in luogo pubblico, agevolando i piccoli eventi delle Pro Loco

Martedì 11 febbraio, in Senato, è stato presentato il disegno di legge «Disposizioni in materia di manifestazioni a carattere temporaneo e delle attività organizzate dagli enti aderenti alla rete Unpli (Unione Nazionale Pro Loco d’ Italia)».

Si tratta di una proposta legislativa che permetterebbe alle Pro Loco di realizzare attività di promozione sociale come feste, sagre o fiere alleggerendo il peso derivante dai vincoli burocratici e mantenendo inalterati gli standard di sicurezza.

La proposta, che vede come primo firmatario il senatore Antonio De Poli, ha ricevuto un gradimento trasversale da parte di tutto lo scacchiere politico. «Siamo i primi ad avere a cuore la sicurezza dei partecipanti agli eventi, allo stesso tempo – ha evidenziato il presidente dell’Unpli Antonino La Spina – non è possibile pretendere che un piccolo evento di paese debba sostenere misure di sicurezza simili a quelle delle grandi manifestazioni».

Come emerso da un recente report realizzato dalla Cgia di Mestre, le 6.200 Pro Loco presenti in Italia organizzano ogni anno ben 110.000 eventi. L’iniziativa di legge presentata in Senato intende riconoscere a livello normativo l’alto valore meritorio delle attività svolte dalle Pro Loco, favorendone lo sviluppo e la proliferazione a livello territoriale.

Il disegno di legge si compone di 4 articoli: l’ articolo 2 intende semplificare la realizzazione di «eventi dal vivo di portata minore», ovvero gli spettacoli a cui partecipino fino ad un massimo di 500 persone simultaneamente, stabilendo una linea di demarcazione con le grandi manifestazioni da migliaia di persone.

In particolare, il comma 1 prevede che la licenza del sindaco venga sostituita dalla Scia (Segnalazione certificata di inizio attività che potrà essere presentata anche per via telematica) mentre il comma 2 stabilisce una validità di 5 anni per autorizzazioni e verifiche su manifestazioni a carattere temporaneo qualora queste non siano soggette a variazioni logistico-strutturali.

L’articolo 3 dispone che, per le manifestazioni temporanee che abbiano ricevuto l’autorizzazione di agibilità dalla Commissione provinciale o comunale negli ultimi 5 anni, non sia necessaria una nuova autorizzazione di agibilità nel caso in cui non sopraggiungano variazioni a livello logistico-strutturale. L’articolo 4 enuncia la clausola di invarianza finanziaria per cui si rende noto che il ddl non arreca costi alle casse dello Stato.

Edgar Allan

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Conoscete la Canicross? La corsa che spopola nel nord Europa. Ecco dove si svolge...

Dom Feb 23 , 2020
La grande festa dello sport oggi in Romagna, al Misano World Circuit, dove sono attesi 10.000 appassionati delle varie discipline sportive protagoniste degli Open Games Running, roller, ciclismo, mountain bike, atletica, indoboard, parkour, canicross, obstacle race e footbike, saranno gli sportprotagonisti dell’intera domenica e dalle 8.45 fino a sera il Simoncelli si trasformerà in una grande […]