6 settembre: Giornata Europea della Cultura Ebraica 2020

Read Time1 Minute, 27 Second

Anche Castroreale parteciperà quest’anno alla Giornata Europea della Cultura Ebraica 2020 che si celebrerà in tutta Italia il 6 settembre con rievocazioni storiche, incontri, visite guidate, presentazioni di libri.

La partecipazione di Castroreale prevede due tipi di eventi: on line e dal vivo. Diversi sono stati gli appuntamenti on line come prologo a quelli dal vivo.

Il 4 settembre, il programma, già sviluppatosi dal primo settembre, si conclude con l’intervista allo scrittore israeliano Meir Shalev autore de Il mio giardino selvatico in cui con amore e umorismo, racconta dei colori, delle fragranze e dei suoni che danno vita al suo giardino nella valle di Jezreel in Israele. Le riprese e la regia sono a cura dal prof. Salvo Presti, Assessore al Turismo del Comune di Milazzo, che a partire dal 3 settembre rilancerà tutti gli eventi sulla pagina Facebook Sicilia Mater.

Il 6 e il 10 settembre si svolgeranno invece due eventi in presenza, a ingresso libero ma con prenotazione per evitare assembramenti e mantenere il distanziamento. Si comincerà alle ore 19,30 con una passeggiata attraverso i luoghi della tradizione ebraica dalla Torre di Federico II da cui tutto è iniziato in seguito alla concessione a Castroreale del privilegio di città demaniale che favorì l’arrivo della comunità ebraica, e si concluderà in via Giudecca. Saranno rievocati vari eventi storici tra cui il bando della cacciata degli ebrei dal Regno di Spagna nel 1492 e saranno letti documenti e passi di romanzi. Parteciperanno gli attori Giuseppe Pollicina, Ivan Bertolami, Giuseppe Fazio, Giovanni Corica oltre a giovani del luogo.

Il 10 settembre il dott. Giuseppe Campagna ricercatore di Storia Moderna presso l’Università di Messina terrà una relazione sul tema Mestieri e attività degli Ebrei in Sicilia accompagnata da documentazione fotografica. 

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

"La Prima Cosa Bella": su RaiDue uno speciale per raccontare le storie di chi non si è fermato durante il lockdown

Ven Set 4 , 2020
Mentre metà della popolazione mondiale era bloccata a casa per impedire la diffusione del coronavirus, nelle strade delle nostre città c’è stato chi ha continuato ad andare al lavoro, rischiando tutti i giorni per garantire la continuità dei servizi, per portare soccorso, per consegnare cibo, per aiutare chi aveva bisogno, […]