Comitato Pendolari Siciliani: “Non siamo contrari al Ponte sullo Stretto, ma…”

Read Time2 Minute, 26 Second

Il Comitato Pendolari Siciliani, in una nota, esprime il proprio parere in merito alle ultime posizioni del governo regionale in materia di infrastrutture viarie e ferroviarie.

Premesso che in Sicilia non sono crollati solo i ponti e i viadotti di strade ed autostrade ma anche i ponti ferroviari non sono stati da meno. L’8 maggio 2011 crollavano due arcate del viadotto ferroviario in territorio di Niscemi, contrada Angeli, della linea ferroviaria Caltagirone-Gela. Il 23 febbraio 2013 veniva chiusa l’Alcamo-Trapani Via Milo per smottamenti lungo tutto il sedime ferroviario e a distanza di 10 anni circa sono stati abbandonati al loro destino” scrive il Comitato Pendolari Sicilia.

Prendiamo atto del buon lavoro che sta facendo il governo regionale in materia di infrastrutture viarie e ferroviarie – si legge ancora nella nota – ma non condividiamo la presa di posizione del governo regionale sul fare causa per danni solamente all’ANAS Spa, riteniamo che il governo regionale dovrebbe valutare se fare causa anche a RETE FERROVIARIA ITALIANA Spa per tutte quelle opere previste nei vari CdP dal 1997 ad oggi”.

Poi il Comitato Pendolari si esprime anche in merito al Ponte sullo Stretto “Ritorna in auge l’argomento del “Ponte sullo Stretto” non siamo contrari alla realizzazione ma così come abbiamo sempre detto che parallelamente alla posa della prima pietra è necessario ed opportuno porre le altrettante prime pietre per completare almeno la dorsale tirrenica Castelbuono-Patti e Trapani-Palermo e la dorsale Jonica Catania-Siracusa”.

Opere previste nella Legge Obiettivo1 (443/2001), opere inserite nel P.I.S. (Piano Infrastrutture Strategiche) e in parte finanziate nei vari Contratti di Programma dal 2001 e mai realizzate. Desideriamo fare presente che nell’ottobre del 2001 la Regione Siciliana, sotto il governo Berlusconi, chiuse un APQ (Accordo di Programma Quadro) con il Ministero delle Infrastrutture e vorremmo capire quante e quali opere previste nelle due tabelle ‘A e ‘B sono state realizzate in questi ultimi vent’anni.

On.le Presidente ben venga il Ponte ma ben vengano assieme al “Ponte sullo Stretto” il completamento e/o la realizzazione di tutte quelle opere che i governi nazionali e regionali che lo hanno preceduto non hanno mai preso in considerazione per cambiare il volto ad una Regione che ha necessità di infrastrutture e mobilità moderna, efficiente ed efficace.

Quindi, secondo noi – conclude il Comitato Pendolari – non può passare il detto che chi chiede prima le altre opere non vuole la realizzazione del “Ponte” anche perché le altre opere erano in programma prima ancora del Ponte sullo Stretto e secondo noi propedeutiche alla realizzazione del Ponte.

Queste alcune delle opere inserite nel Programma delle Infrastrutture Strategiche che stiamo ancora aspettando che vengano realizzate:

Castelbuono-Patti RFI Spa Sicilia (Studio di fattibilità) 3.950,000

Raddoppio Catania-Siracusa RFI Spa Sicilia (Studio di fattibilità) 2.050,000

Velocizzazione Siracusa-Ragusa-Gela RFI Spa Sicilia (Progetto Preliminare) 183,000

Velocizzazione Palermo-Trapani RFI Spa Sicilia (Progetto Preliminare) 432,000″. 

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

E' stato un Maggio dei Libri meraviglioso, grazie a VOI [VIDEO]

Ven Giu 5 , 2020
E’ stato un Maggio dei Libri magico, un’esperienza intensa che abbiamo vissuto a stretto contatto con voi, amici e lettori, addetti ai lavori, che avete contribuito ad arricchire un messaggio d’amore verso la lettura che dovrebbe essere diffuso non solo nel mese di maggio, ma per tutto l’anno. Tante altre […]