Comitato Pendolari Siciliani: “Rivedere gli orari dei treni nei giorni festivi ottimizzando le corse esistenti anche per chi lavora”

Read Time2 Minute, 57 Second

Il Comitato Pendolari Siciliani scrive chiedendo alla Regione di rivedere la programmazione degli orari dei treni, tenendo conto delle esigenze dei viaggiatori nei giorni festivi ma anche in quelli lavorativi

Riportiamo il testo a firma di Giosuè Malaponti – Comitato Pendolari Siciliani – Ciufer

In questi ultimi giorni si è parlato tanto di turismo, di ripartenze, di rilancio del settore e onestamente ci fa molto piacere che il governo regionale pensi in modo fattivo a questo settore molto importante per l’economia siciliana.

Abbiamo preso atto degli investimenti con l’incentivazione dei treni turistici Cefalù Line sulla Punta Raisi-Palermo-Cefalù, e Barocco Line sulla Siracusa-Modica-Ragusa.

Una domanda ci sorge spontanea: pensare al settore turistico è cosa buona e giusta ma come in tutte le attività per assicurare i servizi al turista c’è un popolo di lavoratori che deve spostarsi per raggiungere i luoghi di lavoro. Infatti, se da un lato si incrementano le corse per dar modo al turista e al turismo estivo-festivo, dall’altro se diamo un’occhiata ai treni festivi sulla Messina-Palermo, ci rendiamo conto che non vi è alcun treno assicurato nelle fasce orarie lavorative 06.00-09.00.

Di fatto il primo treno regionale da Messina parte alle ore 07.49 per giungere a Palermo alle ore 11.08 e da Palermo alle 08.32 per giungere a Messina alle ore 11.17. Va un po’ meglio sulla direttrice Messina-Catania con un treno previsto alle ore 06.52 che arriva a Catania alle ore 08.52, mentre da Catania a Siracusa il primo treno è previsto alle ore 10.45 con arrivo a Siracusa alle ore 12.01. Come si evince chiaramente dagli orari chi deve andare a lavorare nei giorni festivi/domenicali, pur avendo un abbonamento ferroviario, non può utilizzare il mezzo treno perchè non sono state assicurate e garantite le fasce orarie dei pendolari.

Per quanto riguarda i Barocco Line, il turista che si trova a Catania non ha alcuna possibilità di raggiungere Siracusa in treno se non a partire da mezzogiorno e quindi un servizio senza alcun senso per i turisti che si trovano a Catania ma anche per i lavoratori che da Catania vorrebbero raggiungere Siracusa.

La musica non cambia da Palermo ad Agrigento poiché si arriva nelle due Città tra le ore 10.30 e le 11.15. Questa la situazione dei treni programmati nei festivi sulle seguenti relazioni:

Palermo-Agrigento n. 12 treni giorno

Palermo-Messina n. 9 treni giorno

Messina-Catania n. 9 treni giorno

Catania-Siracusa n. 8 treni giorno

Palermo-Trapani n. 7 treni giorno

Che cosa chiediamo? E’ presto detto. La Regione Siciliana, committente del servizio, comunque paga il dovuto all’impresa ferroviaria per i 45 treni circolanti nelle domeniche e nei festivi. Il servizio c’è seppur ridotto al minimo ma deve essere rivisto nella programmazione degli orari garantendo anche la domenica e nei giorni festivi la continuità del servizio nelle fasce orarie pendolari (06.00/09.00), tenuto conto che anche nei giorni festivi e/o domenicali vi è gente che deve spostarsi per assicurare dei servizi al cittadino, al turista avendo pagato un abbonamento per un servizio che, in effetti, c’è, ma non garantisce gli spostamenti nelle prime ore del mattino. Chiediamo all’assessore regionale ai Trasporti on. Marco Falcone di voler intervenire affinché sia rivisto il servizio, ottimizzando gli orari dei treni esistenti, per garantire un servizio efficiente ed efficace non solo ai turisti dei festivi e delle domeniche ma principalmente all’utenza che anche nei festivi e nelle domeniche deve andare a lavorare”.

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Cortile Teatro Festival: il 20 luglio il secondo appuntamento con “(Comu veni) Ferrazzano”

Ven Lug 17 , 2020
Ispirato all’opera di Giuseppe Pitrè, il protagonista è un personaggio delle tradizioni siciliane. Mercoledì 22 seconda performance site-specific: con “Theremani” di Vincio Siracusano il Cortile diventerà uno strumento musicale. Con il sostegno di “Latitudini”, la rete di drammaturgia siciliana