Da Bofrost 9.000 euro per gli ospedali siciliani e 90.000 euro di buoni spesa per il personale sanitario

Read Time2 Minute, 56 Second

Le donazioni destinate agli ospedali di Palermo, Trapani e Catania sono frutto della raccolta promossa fra i clienti delle filiali territoriali. L’azienda di surgelati a domicilio ha raccolto in totale 350 mila euro per le strutture sanitarie in tutta Italia e ha stanziato 1,5 milioni di euro in buoni spesa per medici e infermieri. L’AD Tesolin: «La generosità dei nostri clienti e l’impegno dei nostri venditori ci permettono di dare un aiuto concreto a chi è in prima linea per salvare vite»

Oltre 350 mila euro da parte di Bofrost Italia per sostenere, con l’acquisto di attrezzature sanitarie, più di 50 ospedali su tutto il territorio nazionale impegnati nella cura dei pazienti affetti da Covid-19. È questo il risultato dell’iniziativa “Insieme siamo una forza” avviata all’inizio di marzo dalla più grande azienda italiana di vendita a domicilio di surgelati, operazione che si è conclusa sabato 18 aprile con i primi versamenti destinati alle strutture sanitarie.9.000 euro saranno suddivisi fra tre ospedali siciliani: l’Ospedale Civico di Palermo, l’ospedale Sant’Antonio Abate di Trapani e l’Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Catania. Si tratta della cifra raccolta dalle filiali Bofrost di Carini (PA), San Filippo del Mela (ME) e Belpasso (CT). Inoltre, come ogni struttura coinvolta nell’iniziativa, ciascuno dei tre ospedali riceverà anche 1.000 buoni del valore di 30 euro per la spesa alimentare online, destinati al personale sanitario (per uno stanziamento totale di 1,5 milioni di euro da parte di Bofrost).

«Uno sforzo che ha visto uniti l’azienda, i venditori impegnati a promuovere capillarmente l’iniziativa e soprattutto i clienti Bofrost di tutta Italia, che hanno dato prova di grandissima generosità – spiega l’amministratore delegato di Bofrost Italia Gianluca Tesolin –. In poche settimane, infatti, siamo riusciti a mettere insieme una cifra importante, indirizzandola alle realtà che più ne hanno bisogno: un ospedale per ogni filiale, contattato preventivamente dal personale delle nostre filiali e “adottato”, quindi, dai nostri clienti, che hanno potuto fare donazioni per rispondere in modo concreto a questa emergenza sanitaria».

Le strutture che beneficeranno delle donazioni sono oltre 50 in tutta Italia, distribuite in tutte le regioni italiane, dalle regioni del Nord più colpite dall’emergenza (e dove la presenza di Bofrost è storica) fino al Sud e alle Isole. «Non volevamo scegliere un unico ospedale, ma dare un aiuto concreto alle tante realtà locali che sono in prima linea nella battaglia al Coronavirus – prosegue Tesolin –. Abbiamo puntato sul legame che ogni nostra filiale instaura con il territorio di riferimento per far sentire i clienti ancora più coinvolti. Un ruolo determinante lo hanno avuto, come sempre, i nostri venditori, che in questo periodo difficile sono vicini a migliaia di famiglie italiane con un servizio indispensabile, quello della consegna di alimentari a domicilio, al quale si è aggiunto l’impegno instancabile nel promuovere la raccolta fondi. A tutto il personale sul campo, e ai clienti che hanno risposto così generosamente all’appello di Bofrost, va il ringraziamento mio e dell’azienda».

bofrost* Italia – È la più importante azienda italiana della vendita diretta a domicilio di specialità alimentari surgelate senza nessuna interruzione della catena del freddo. Vi lavorano 2.400 persone in tutta Italia. Le sede centrale si trova a San Vito al Tagliamento (PN). A oggi, sono oltre un milione le famiglie italiane che apprezzano e conoscono i prodotti di bofrost* Italia. La qualità, il gusto e un eccellente servizio rappresentano i fattori di successo di questa azienda. www.bofrost.it

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

CoronaVirus Fase 2: online le FAQ del governo. Tra i chiarimenti anche il significato di "congiunti"

Dom Mag 3 , 2020
Le novità incluse nel nuovo Dpcm del 26 aprile e le risposte alle domande più frequenti dei cittadini su spostamenti, pubblici esercizi e attività commerciali, attività produttive, professionali e servizi, cantieri, agricoltura allevamento e pesca e università