Read Time1 Minute, 36 Seconds

La pizzeria Impastato è stata oggetto di un atto incendiario. Ennesimo campanello d’allarme da non sottovalutare. Ennesima prova di quanto sia importante tenere viva la memoria di chi ha dedicato la propria vita contro le ingiustizie e contro la mafia.

Proprio sabato scorso a Santa Teresa di Riva si è tenuta la cerimonia di intitolazione dell’Help Center a Felicia Bartolotta Impastato.

Ospite speciale dell’evento era Luisa Impastato, in rappresentanza della Casa Memoria “Felicia e Peppino Impastato”. La figlia di Giovanni Impastato, (fratello di Peppino), non ha nascosto la propria emozione, definendo la scelta di intitolare l’Help Center a nonna Felicia assolutamente pertinente alle attività che il centro porta avanti. Storie di resistenza e lotta alle ingiustizie. Tenere la schiena dritta, e la testa alta, sempre. Come diceva Felicia. «Perché la mafia non si sconfigge con le pistole ma con la cultura» .

L’intervento di Luisa Impastato all’Help Center

“Una nuova nascita per una struttura che per vocazione ha sempre sentito l’urgenza e la necessità di trasformare una società che costruisce muri e barriere, esclude e crea e si nutre di povertà e diseguaglianze sociali, sorretta dal silenzio, l’omertà o la connivenza delle comunità.”

Alla cerimonia erano presenti anche il Sindaco di S. Teresa di Riva, Danilo Lo Giudice, il vicesindaco Gianmarco Lombardo, l’assessore ai Servizi sociali Annalisa Miano e i consiglieri Mariella Di Bella e Santino Scarcella. A fare gli onori di casa Antonella Casablanca e Giuseppe Bucalo dell’Associazione Penelope. Luisa Impastato era accompagnata da Mara Manzella, dello staff di “Casa Memoria Felicia e Peppino Impastato”

Durante la cerimonia è stata svelata una targa realizzata dall’artista Claudia Romagnoli (CROMA) che da oggi campeggerà all’entrata dell’Help Center e inviterà, come ha fatto Felicia per anni, i passanti ad entrare a sentire la storia di chi non sa (ne può, ne vuole) arrendersi o accettare come destino alla/la povertà degli uomini e alla/la miseria delle istituzioni.

0 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close