Autostrade, Floridia (M5S): “Demolizione viadotto Spadafora è il primo passo per mettere in sicurezza l’A20”

Read Time1 Minute, 12 Second

“Sono finalmente iniziati i lavori di demolizione del viadotto che ricade sulla A20 Messina – Palermo e che collega il comune di Spadafora con la frazione di San Martino”.

Questo – afferma la senatrice Barbara Floridiaè il frutto di un lavoro sinergico con il sindaco Tania Venuto che, nei mesi scorsi, mi ha contattata per accelerare l’iter burocratico che avrebbe dovuto portare all’abbattimento di questo sovrappasso, insieme a quello di Venetico, visto che le due infrastrutture sono state sequestrate dall’autorità giudiziaria lo scorso aprile perché a rischio crollo

Ho anche partecipato a un tavolo tecnico con la Città Metropolitana di Messina e ho sollecitato più volte la dirigenza del Consorzio Autostrade Siciliano per tenere alta l’attenzione su questa problematica. 

Nella foto la senatrice Barbara Floridia a un incontro organizzato al Comune di Spadafora con imprenditori e il sindaco Tania Venuto.

La demolizione di questo viadotto è il primo passo per mettere in sicurezza questo tratto autostradale.

Continuerò a monitorare la situazione, affinché ci sia una veloce ricostruzione di questa infrastruttura al fine di garantire la piena ripresa delle tante attività imprenditoriali che si trovano al di là del viadotto stesso.

Abbiamo assistito a troppi anni di distrazione da parte del Consorzio Autostrade Siciliane, che adesso rischia la revoca della concessione da parte del Ministero dei Trasporti, a causa delle troppe difformità rilevate nella manutenzione delle autostrade della nostra Regione“, così in una nota la senatrice messinese Barbara Floridia (M5S). 

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

La nascita di Facebook in un film: su Rai Movie "The Social Network"

Mar Nov 10 , 2020
Dalla sua creazione fino alla causa da centinaia di milioni di dollari indetta contro il fondatore Mark Zuckerberg.

Non perderti anche