“Madeleine” il cortometraggio thriller con regista Francesco Benigno

Read Time1 Minute, 7 Second

Dal 10 maggio a Palermo le riprese di “Madeleine” il cortometraggio che vede alla regia Francesco Benigno. Una storia forte nata dalla penna di Carlo Baldacci Carli.

Prenderanno il via il 10 maggio a Palermo le riprese di “Madeleine“, il cortometraggio che nasce dalla penna di Carlo Baldacci Carli e che vede alla regia il palermitano Francesco Benigno. A produrlo l’associazione Culturale “Mary per Sempre”.

Francesco Benigno torna alla regia, dopo il successo del film “Il Colore del dolore” con un lavoro che promette di rapire lo spettatore sin dalle prime scene, facendolo immergere in un’atmosfera che riporta alla memoria la tensione di thriller come “La Finestra sul cortile” e “Psycho” di Alfred Hitchcock.

Robert, Madeleine, Marco, Stella, Daphne e Bruto i personaggi che daranno colore a una storia che affronta il tema della violenza domestica attraverso l’esperienza diretta di Madeleine, una giovane stilista, bella e riservata di circa 35 anni, di cui si innamorerà Robert, 40 anni, pianista di un night club, trovandosi faccia a faccia con una sconcertante verità, il cui epilogo sarà inimmaginabile.

Protagonisti della storia saranno Valentina Magazzù (Madeleine) e Glauco Dolci (Robert), insieme al giovane Alessandro Alicata, a Maria Grazia Saccaro e Assunta Battaglia.

Direttore della fotografia Paolo Iraci, operatore Pietro Vaglica, capo macchinista Mimmo Modica e direttore di edizione Rosolino Pizzuto.

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Ponte sullo Stretto di Messina, Musumeci: "Il governo Draghi ci dia una risposta definitiva"

Ven Apr 23 , 2021
Nel corso di una conferenza stampa a Catania col governatore della Calabria, Nino Spirlì, e l’amministratore delegato di Webuild, Pietro Salini, il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, ha sottolineato: “C’è chi vuol mantenere il sistema Italia diviso in due: un Nord ricco e opulento che produce e un Sud […]

Non perderti anche