La battaglia contro il virus. Pasqua chiusi in casa

Read Time1 Minute, 18 Second

La Repubblica in edicola. Verso il lockdown per 30 milioni di persone, zona rossa per tutti nel weekend festivo. Regioni gialle, più rigore. Partirà anche il piano di vaccinazioni. Si procede per fasce di età, via libera alle somministrazioni in azienda

Trenta milioni di italiani verso la zona rossa. Tutto chiuso a Pasqua. Domani le misure al Cdm. Lockdown automatici dove i contagi superano i 250 casi a settimana ogni 100mila abitanti. Regole più rigide per le fasce gialle e arancioni. Puglia e Campania si blindano.
----
I provvedimenti allo studio
Come a Natale, feste in casa

In rosso con 250 casi
Prevedendo questa soglia, ritenuta dai tecnici ad
altissimo rischio, mezza Italia finirebbe in lockdown. Sono undici le regioni che hanno tale incidenza di contagi settimanale ogni 100.000 abitanti

Weekend in casa
E’ una delle ipotesi sul tavolo ma non raccoglie più
 molti consensi quella di prevedere la chiusura di bar, ristoranti e negozi in tutta Italia, anche nelle regioni con meno restrizioni.
 
Pasqua blindata
Si fa strada l’ipotesi di riproporre il modello risultato efficace a Natale: tutto chiuso, bar, ristoranti e negozi e spostamenti vietati dalla vigilia di Pasqua a Pasquetta compresa.

Scuole chiuse
Parte del governo resiste ma l’avanzare del contagio tra i più giovani ripropone con forza l’ipotesi di rinunciare alla didattica in presenza alle Superiori anche nelle zone arancioni.
 
Parchi chiusi, vietato stazionare in strada
Sono alcune delle ulteriori restrizioni ipotizzate per evitare assembramenti nelle zone gialle dove bar e ristoranti sono aperti. Alcuni governatori hanno già emesso ordinanze locali.
.

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Scuola, al sottosegretario Barbara Floridia la delega alla transizione ecologica

Gio Mar 11 , 2021
“Le scuole possono essere le gambe sulle quali si reggerà la transizione ecologica” ha affermato Barbara Floridia