Ad Alessandro Zaccuri il Premio Letterario Internazionale Isola d’Elba Raffaello Brignetti

Read Time2 Minute, 25 Second

Il Premio letterario internazionale Elba-Raffaello Brignetti, giunto alla 50ª edizione, è stato assegnato ad Alessandro Zaccuri per il suo libro “Poco a me stesso” (Marsilio). Gli altri autori finalisti erano Franco Cardini con “Le Dimore di Dio” (Il Mulino) e Benedetta Craveri con “La contessa” (Adelphi).

“Il romanzo di Alessandro Zaccuri , Poco a me stesso, – si legge nella motivazione – con eleganza e affabilità narrativa, sa celare nel fondo una rara complessità di saperi storici e letterari.

È un romanzo storico ma anche qualcosa di più: un esercizio di virtuosa regressione al passato, nell’estate del luglio 1841, nella Milano di Giulia Beccaria, la charmante Julie, figlia di Teresa de Blasco, e di Cesare, il sommo giureconsulto dei Delitti e delle pene. Non ultima corona dei suoi allori, madre di Alessandro Manzoni. Nella storia, non nel romanzo. Il segreto, sempre alluso del libro, è proprio l’Alessandro figlio naturale di Giovanni Verri, sua l’ombra dominante, il respiro nascosto, il costante riflesso nella trama di parole, di accenti, di echi, di misteriose citazioni.

L’altro tema sta nel binomio, pur sempre attuale, scienza/magia, e nel suo labile confine incarnato dalla figura di Franz Anton Mesmer (1734-1815), nato in una contrada tedesca, medico e filosofo del magnetismo, qui fatto rivivere in un presunto discepolo: l’avventuriero, charmant, dotatissimo di ogni maschera e infingimento, il sedicente barone Jean-Louis-Aurélien de Cerclefleury. Ma la sua finzione sarà decifrata (dal Cavaliere di Rivabella e da Giulio Beccaria) e l’inganno cadrà, mettendolo in fuga. Giulia, morendo, abbraccerà riconoscendolo in Tirinnanzi il figlio abbandonato alla nascita. E Manzoni? Non c’è, ma è come se ci fosse.

I nuclei del romanzo sono più d’uno: il primo ruota dentro e intorno il salotto Beccaria, con tutto quello che significa come cultura, stile, tradizione, religione civica. L’altro è nella suburra milanese di Aristide Faggini. Un superbo ritratto d’epoca, un coltissimo divertissement, un dagherrotipo di parole, colori, atmosfere, scattato tra i palazzi patrizi e i Navigli plebei di una Milano amorosamente ricostruita a pennellate di stile.”

Alessandro Zaccuri

Durante l’estate con il premio Elba-Raffaello Brignetti la letteratura ha conquistato le piazze dell’isola d’Elba affiancandosi a eventi come il concerto di Mario Biondi a Portoferraio e quello di Valeria Altobelli a Capoliveri. Un’idea di cultura a 360 gradi resa possibile grazie alla collaborazione delle due amministrazioni comunali elbane e da una serie di sponsor e partner che sostengono il comitato promotore. In pratica buona parte dell’imprenditoria dell’isola d’Elba, ma non solo: dall’Associazione albergatori isola d’Elba alla Banca di credito cooperativo di Castagneto Carducci, dalla Fondazione Pallavicino alla Fondazione Livorno passando per Grafiche Valdelsa, Nocentini group, Banca dell’Elba, Tce telecomunicazioni, Fondazione studi Oreste Bertucci, Fondazione isla d’Elba onlus, Esaom Cesa, VisitElba, Locman, Acqua dell’Elba, Toremar, BluNavy, Assoshipping, Hotel Airone, La libreria stregata, Centro ufficio Elba.

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Next Post

Settembre alle Isole, prorogati gli orari estivi

Dom Set 4 , 2022
Sono stati prorogati fino al 18 settembre i collegamenti estivi con gli aliscafi della Liberty Lines da e per le Eolie e fino al 30 settembre quelli per le Egadi. La Regione Sicilia ha così accolto le richieste delle amministrazioni e degli operatori turistici, tenuto conto che nelle Isole continua ad esserci […]