Rete Latitudini e Nutrimenti Terrestri con due spettacoli in scena questa settimana tra Messina e Patti

Read Time2 Minute, 22 Second

Due imperdibili eventi teatrali, entrambi firmati Nutrimenti Terrestri, andranno in scena a Messina e a Patti in questa settimana, grazie al Circuito regionale di Latitudini, la Rete di Drammaturgia Siciliana, che sostiene in modo virtuoso le numerose Compagnie di ricerca e produzione contemporanea dell’isola.

Foto di Giuseppe Contarini 

Mercoledì 19 agosto alle 21.30, per la rassegna MuMeOff 20 organizzata da Giovanni Maria Currò e Mauro Failla del Clan Off Teatro negli spazi esterni del Museo Regionale di Messina, torna a grandissima richiesta lo straordinario Filippo Luna in “Le Mille Bolle Blu“, uno spettacolo che da più di un decennio gira l’Italia in lungo e in largo, riscuotendo medesimo successo e calore di pubblico. Una storia commovente che ha da sfondo gli anni Sessanta a Palermo raccontata in un monologo scritto dal giornalista Salvatore Rizzo ed interpretato e diretto da Filippo Luna. In scena, al Mume di Messina, la storia di Nardino ed Emanuele, barbiere di borgata il primo, avvocato della buona borghesia il secondo, e del loro amore impossibile e clandestino per lunghissimi trent’anni e parallelo ad una vita apparente di irreprensibili mariti e padri di famiglia. Alla morte di Emanuele segue la struggente e malinconica rievocazione di Nardino e, sull’eco di alcuni brani musicali che hanno segnato quei decenni, si vivificano l’amore, la passione, la gelosia, i timori di quel rapporto. Si grida persino la rabbia per un dolore al quale non è consentito urlare.

Foto di Domenico Genovese 

Giovedì 20 agosto, all’ex convento San Francesco, nel centro storico di Patti, in doppia replica alle 21.30 e alle 23 andrà in scena “Un giorno quasi perfetto” di Antonino Anelli e Michelangelo Maria Zanghì che cura anche la regia. In scena, Francesco Natoli con i costumi e gli elementi scenici di Cleopatra Cortese, aiuto regia di Antonino Anelli, foto di scena di Domenico Genovese. Una produzione Compagnia Teatrale Santina Porcino in collaborazione con Nutrimenti Terrestri. Uno spettacolo – si legge nelle note di regia – che “parla di di ognuno di noi, perché racconta del rapporto più antico e viscerale che possa esistere: quello tra genitori e figli“. Protagonista è Marika, che, isolata e rinnegata dalla famiglia, abbandona il paesino natale della provincia sicilianaper trasferirsi nella Milano “da bere” con la speranza di poter vivere liberamente la propria identità di genere.  “Marika, infatti, è nato uomo ma non ha mai accettato il suo corpo “difettoso”: lei è donna contro tutti e tutto e se gli altri si limitano a schernirla o, addirittura, approfittare di lei. Ma succede qualcosa che ribalta il corso delle cose e Marika, dopo anni di solitudine, ha, suo malgrado, la possibilità di recuperare il rapporto col padre“. In un finale di speranza, malinconia e umorismo che svela le mancanze e le aspettative che tutti noi, sia genitori che figli, viviamo quotidianamente. 

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

“Promontorio Nord”: uno spettacolo sulla vita di Fabrizio De Andrè e sui tarocchi che utilizzò nel suo ultimo tour

Mer Ago 19 , 2020
Dopo il successo di Casca il vento di Simone Corso andato in scena lo scorso 13 agosto, con la presentazione del libro a cura di Dario Tomasello e la mostra fotografica di Giuseppe Contarini, prosegue la rassegna di teatro al tramonto nella Tenuta Rasocolmo.