Bonifiche di siti abbandonati, dal Ministero dell’Ambiente oltre 105 milioni di euro

Read Time1 Minute, 17 Second

Circa 13 milioni per la Sicilia e 5,5 per la Calabria. Gli esponenti M5S: “Ora le Regioni devono attivarsi e bonificare luoghi che inquinano e stanno lí a volte da decine di anni e circa il 50% si trova al Sud”

L’europarlamentare del Movimento 5 Stelle, Laura Ferrara

Dal ministro dell’Ambiente Sergio Costa oltre 105 milioni di euro per le bonifiche di siti abbandonati: 13 per quelli della Sicilia, circa 5.4 per quelli della Calabria.

“Ora toccherà alla Regione, soggetto attuatore indicare i siti da bonificare e agire in fretta” hanno dichiarato in una nota gli esponenti calabresi del Movimento 5 Stelle Laura Ferrara, Alessandro Melicchio, Riccardo Tucci, Anna Laura Orrico, Giuseppe Fabio Auddino ed Elisa Scutellà.

“Stiamo parlando di centinaia di siti in tutta Italia, luoghi abbandonati e inquinati, discariche, vecchie fabbriche abbandonate, dove non si è mai trovato un responsabile che li bonificasse, perché formalmente non sono né di competenza statale, né regionale” spiegano ancora.

“Luoghi che inquinano e stanno lí a volte da decine di anni e circa il 50% si trova al Sud” continuano gli esponenti pentastellati. “Finalmente lo Stato, con il Ministro dell’ Ambiente Costa, se ne prende carico stanziando 105 milioni di euro ripartiti tra le Regioni (il decreto è già passato in conferenza Stato Regioni) e ora le Regioni devono attivarsi e bonificare”.

“Ora bisogna sollecitare la Regione affinché non se ne lavi le mani. Questa battaglia per l’ ambiente è solo all’ inizio e parla al cuore dei nostri territori” concludono gli esponenti del Movimento 5 stelle. 

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

SpaghettiPolitics, il profilo social che racconta la realtà ai giovani

Lun Gen 4 , 2021
Un profilo Instagram e un linguaggio chiaro e diretto: è l’ora degli Spaghetti Politics