I contagi risalgono, 5 regioni arancioni: Calabria, Emilia-Romagna, Lombardia, Sicilia, Veneto

Nuova fase Covid: cosa si può fare e cosa è vietato, quali saranno le restrizioni nei prossimi giorni, quali sono i colori delle regioni

Read Time3 Minute, 18 Second

Il report sui contagi mette in guardia: cresce l’Rt, l’epidemia peggiora. E 14 governatori fanno slittare il ritorno in classe. Cosa si può fare nei territori arancioni? Cosa si può fare nel resto d’Italia?

Zona arancione per Calabria, Emilia Romagna, Lombardia, Sicilia e Veneto.

Lo prevede la nuova ordinanza che è stata firmata ieri dal ministro della Salute Roberto Speranza e andrà in vigore a partire da domenica 10 gennaio. “Ho firmato una nuova ordinanza che porta in zona arancione le regioni Calabria, Emilia Romagna, Lombardia, Sicilia e Veneto” ha twittato il ministro della Salute Roberto Speranza. “Dobbiamo tenere il massimo livello di attenzione perché il virus circola molto e l’indice del contagio è in crescita”.

I dati dell’ultimo monitoraggio

Secondo quanto emerge dal monitoraggio settimanale dell’Istituto superiore di sanità (Iss)-ministero Salute, relativo al periodo 28 dicembre 2020-3 gennaio 2021, “Calabria, Emilia Romagna e Lombardia un Rt puntuale significativamente maggiore di 1, altre 6 lo superano nel valore medio (Liguria, Molise, Sardegna, Sicilia, Umbria, Valle d’Aosta), altre 4 hanno un valore uguale, la Puglia, o che lo sfiora, Lazio, Piemonte, Veneto”. Il Veneto, infine, “mostra un tasso di incidenza particolarmente elevato, rispetto al contesto nazionale”. Il monitoraggio sottolinea che “sono 12 le Regioni e province autonome a rischio alto questa settimana, 8 a rischio moderato (di cui due ad alto rischio di progressione a rischio alto nelle prossime settimane) e solo una Regione (Toscana) a rischio basso”.

Le regole fino al 15 gennaio

Cosa si può fare nelle 5 regioni in zona arancione?

  • Spostamenti
    • La libertà di movimento è limitata all’interno del comune di residenza
    • Chi abita in un comune fino a 5.000 abitanti potrà spostarsi entro un raggio di 30 km e con il divieto di raggiungere i capoluoghi di provincia. Sarà possibile anche andare a fare visita ad amici e parenti entro questi limiti orari e territoriali
    • Ci si potrà spostare liberamente, e quindi far visita ad amici o parenti, solo all’interno del proprio comune, dalle 5.00 alle 22.00; oltre tali orari e al di fuori del proprio comune ci si potrà spostare solo per lavoro, salute o necessità
  • Ristorazione
    • Bar e ristoranti saranno chiusi. Sarà consentito solo l’asporto fino alle ore 22 e la consegna a domicilio senza limiti di orario
  • Negozi e servizi alla persona
    • I negozi resteranno aperti senza eccezioni
    • I centri commerciali saranno aperti ma non nei giorni festivi e prefestivi
    • Saranno aperte lavanderie e tintorie, barbieri e parrucchieri
  • Attività sportiva e motoria
    • Sarà consentito svolgere attività sportiva e motoria all’aperto, nel rispetto della distanza di sicurezza di un metro per l’attività motoria e di due metri per l’attività sportiva

Cosa si può fare nel resto d’Italia (zona gialla)?

  • Spostamenti
    • Gli spostamenti in zona gialla sono liberi ma fi no al 15 gennaio non ci si potrà spostare da una regione all’altra, salvo che per motivi di salute, lavoro, necessità o per quelli con cui si fa ritorno alla propria residenza, domicilio o abitazione
    • Sarà consentito spostarsi verso le seconde case, purché ubicate nel territorio regionale
    • Tra le 5.00 e le 22.00, sarà possibile spostarsi liberamente all’interno della propria regione, quindi anche per fare visita a parenti o amici nel territorio regionale. Non sono previsti limiti al numero degli spostamenti o delle persone che si spostano
  • Ristorazione
    • Bar e ristoranti saranno aperti fi no alle 18. Il consumo al tavolo sarà consentito per un massimo di 4 persone per tavolo, salvo che siano tutti conviventi. Dopo le 18 sarà consentito solo l’asporto fino alle ore 22 e la consegna a domicilio senza limiti di orario
  • Negozi e servizi alla persona
    • I negozi saranno aperti senza eccezioni
    • I centri commerciali saranno aperti ma non nei giorni festivi e prefestivi
    • Saranno aperte lavanderie e tintorie, barbieri e parrucchieri
  • Attività sportiva e motoria
    • Sarà consentito svolgere attività sportiva e motoria all’aperto, nel rispetto della distanza di sicurezza di un metro per l’attività motoria e di due metri per l’attività sportiva

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Autostrada A18: prosegue la manutenzione straordinaria. Ecco la viabilità dall'11 gennaio

Sab Gen 9 , 2021
Aggiornamento sui lavori straordinari e sulla viabilità relativa alla tratta autostradale Messina-Giardini e Giardini-Giarre