«Faremo come pastori sardi», la «clamorosa» protesta sulla Perugia-Ancona. Le imprese attendono 40mln di euro

Read Time1 Minute, 25 Second

“Faremo come i pastori sardi, una mobilitazione in strada perché tutti sappiano che decine imprese delle costruzioni umbre e marchigiane rischiano di chiudere perché non sono state pagate per un’opera già finanziata e che potremmo concludere in poche settimane”.

E’ il provocatorio appello lanciato oggi dalla sede di Ance Perugia, il sindacato costruttori di Confindustria che torna a farsi sentire sulla vicenda dei mancati pagamenti alle imprese umbre, molte dell’Eugubino-Gualdese, che hanno lavorato sulla realizzazione della Perugia-Anconama vantano crediti per circa 40 milioni nei confronti del general contractor, Astaldi, finito in concordato. Nulla si muove da Roma, dove era atteso un Tavolo ministeriale e allora si annuncia una giornata di protesta per il prossimo 7 marzo, come conferma per il comitato credito Astaldi, Umberto Bocci e Albano Morelli in conferenza stampa insieme al direttore di ANCE Umbria, Walter Ceccarini: “Chi afferma che il problema della Perugia-Ancona sia risolto, che i cantieri saranno sbloccati non sa di cosa parla – tuonano i costruttori umbri – qui nessuno ha riscosso un euro dei 40 milioni di cui siamo creditori e finchè non ci saranno i pagamenti dovuti non si ripartirà con i lavori”.

Il riferimento neanche troppo velato è alle dichiarazioni dei giorni scorsi del Ministro Toninelli (“Stiamo sbloccando il cantiere della Quadrilatero”) sia ai rumors che dagli ambienti ben informati vorrebbero la Astaldi in procinto di ripartire con i lavori proponendo nuovi accordi (al ribasso) con le aziende che accetteranno le nuove condizioni.

Per ora l’unica certezza è che giovedì prossimo ci sarà una grande mobilitazione lungo la Perugia-Ancona, stile “pastori sardi”: e anche se in Umbria non si voterà almeno fino al 2020, di sicuro l’iniziativa non dovrebbe passare inosservata.

Edgar Allan

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

"Infermiere legale" negli ospedali siciliani, la figura professionale proposta dal Nursid

Sab Mar 2 , 2019
Istituire la figura dell’infermiere legale nelle aziende ospedaliere siciliane. E’ la proposta innovativa avanzata dai vertici del Nursind Sicilia, il sindacato autonomo degli infermieri, che è stato ricevuto all’assessorato regionale alla Salute per discutere i temi più importanti del settore, dalla stabilizzazione del personale al potenziamento degli organici. Presenti il […]