Sicilia, nuovi mezzi per liberare le strade dalla neve

Read Time1 Minute, 12 Second
Dal sito della Regione Siciliana

La Regione Siciliana potenzia l’operatività delle proprie strutture da adibire nelle zone montane o in caso di calamità. L’ultima novità giunge dal Corpo forestale regionale con l’acquisto di due nuovi accessori meccanici in grado di sgomberare le strade dalla neve. Lo rende noto l’Ufficio Stampa della Regione Siciliana. Si tratta del “vomere sgombraneve” e della “turbofresa” che possono essere utilizzati se agganciati agli autocarri “Unimog 500”, già dislocati nelle province di Palermo, Catania e Messina.

«Dotiamo il Corpo forestale, già altamente specializzato e presente su tutto il territorio regionale – evidenzia il governatore Nello Musumeci – di strumenti utili a garantire, in tempi brevi e con grande efficacia, la piena e sicura percorribilità dei collegamenti viari in presenza di neve».
Al momento, le nuove attrezzature sono state posizionate a Castellana Sicula – sede di uno dei distaccamento forestali nel comprensorio madonita – per essere utilizzate in particolare a Piano Battaglia, ma anche per rendere fruibile la percorribilità tra Petralia, Polizzi Generosa e Piano Zucchi. All’occorrenza potranno essere montate anche sugli altri due Unimog.

I tre autocarri possono essere utilizzati anche in scenari determinati da disastri naturali, quali terremoti e alluvioni e per interventi vari di Protezione civile. Inoltre, ogni anno, durante le stagioni invernali, in occasione di abbondanti nevicate, su richiesta degli enti locali o delle Prefetture, sono in grado di ripristinare la viabilità in aree interne o montane, soprattutto se provvisti del vomere e della turbofresa.

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Ambiente, ministro Costa: "Sì a Giornata nazionale vittime inquinamento per crescere come Stato"

Lun Mar 4 , 2019
“Sostengo con convinzione la proposta di istituire la Giornata nazionale delle vittime dell’inquinamento ambientale il 25 febbraio. Sono tante, purtroppo, le vittime, non solo i morti o gli ammalati ma anche i familiari e chi vive nei territori italiani inquinati, come ho avuto modo di constatare quando indagavo nella Terra […]

Non perderti anche