Read Time1 Minute, 37 Seconds
Margherita Missoni e Arizona Muse. Credits – ELLE

Moltissime sono le collezioni green che la moda sta promuovendo, così come gli eventi e le iniziative per presentare prodotti sempre più rispettosi dell’ambiente. Ma designers come Vivienne Westwood e addetti ai lavori lamentano come in realtà sia il pubblico da “educare”, correggere l’approccio alla moda, abbandonando comportamenti sbagliati. Mancava una guida, insomma, ma a questo ci ha pensato Vestiaire Collective.

La nota piattaforma, nota per la compravendita di capi e accessori firmati di pre-owned, vuole sensibilizzare i propri utenti ad un acquisto più etico, e per realizzare questa guida Vestiaire Collective  ha chiamato due importanti nomi della moda a contribuire: Margherita Missoni e Arizona Muse. La stilista italiana e la modella americana hanno raccolto consigli e suggerimenti atti a favorire una “moda circolare”. La necessità di creare tale guida nasce anche da un’analisi di Vestiaire Collective per capire il comportamento dei consumatori di 10 paesi strategici e cosa ne pensano sostenibilità nella moda e della moda circolare: per farlo, la piattaforma ha realizzato con il supporto di Atomik Research un’indagine di mercato. Da questo è emerso che il 77% degli intervistati crede nell’importanza della moda sostenibile, e in particolare modo l’Italia risulta essere il paese più sensibile a queste tematiche, di contro risulta che il 29% ne ha a mala pena sentito parlare e giusto la metà di questi mette in pratica quotidianamente una delle tipologie di moda circolare.

La guida si propone quindi l’obiettivo non solo di guidare gli utenti ad un acquisto consapevole ed intelligente, ma anche di informarli sui temi della sostenibilità nel mondo della moda e l’importanza di dare una seconda chance agli abiti, che sia dandoli in beneficienza, scambiandoli con amici, o darli ai centri di riciclo dei tessuti. Vestiaire Collective ha raccolto una sfida importante, ma soprattutto diventa il capofila per la sensibilizzazione degli utenti, credendo fermamente che sapere è il miglior modo di cambiare le cose.

0 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close