Nuove opere nella collezione di RISO

Read Time3 Minute, 59 Second

Nuove opere di Vanessa BeecroftShay FrischRegina José Galindo,Hermann NitschAldo Palazzolo entrano nella collezione di RISO – Museo regionale d’arte moderna e contemporanea di Palermo

La memoria, la morte, il corpo come energia, potenza vitale, portatore di storie e materia viva: sono i temi fondanti del progetto “Percorsi di memoria” che si lega al primo nucleo della collezione permanente di RISO – Museo Regionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Palermo. E che prevede l’acquisizione delle nuove operedi Vanessa BeecroftShay FrischRegina José Galindo, Hermann NitschAldo Palazzolo, presentate nelle sale espositive al primo piano di Palazzo Belmonte Riso, a PalermoOpere che sono state scelte partendo dal dialogo continuo con i primi nuclei concettuali di RISO, con le installazioni di Christian Boltanski e Richard Long, e con le sfaccettature multiculturali della città. Le nuove acquisizioni sono state finanziate  tramite il PAC 2020, Piano per l’Arte Contemporanea, promosso dalla Direzione Generale della Creatività contemporanea del Ministero della Cultura, che il Museo Riso ha vinto con altri 32 istituti italiani.

La presentazione sarà preceduta – dalle 14.30 alle 18 – da “Archivio Matter. Conservare e raccontare l’arte contemporanea”, giornata di studio ideata da Elisa Fulco, a cura di ruber.contemporanea, per riflettere sui temi e la complessità metodologica e interpretativa sollevata dall’archivio d’artista, nel suo essere contemporaneamente opera d’arte e oggetto di conservazione, atto curatoriale e garante dell’autenticità dal punto di vista del mercato. Sostenuta dal Dipartimento Regionale dei Beni Culturali e Identità Siciliana, la giornata avvia il progetto di valorizzazione delle nuove acquisizioni del Museo.

Il progetto “Percorsi di memoria”, a cura di Rosaria Raffaele Addamo, ha preso le mosse dall’identità e dalla missione di RISO, diretto da Maddalena De Luca, e ha riallacciato le fila di un percorso di selezione, acquisizione e conservazione del primo nucleo della collezione permanente del Museo. “Un’occasione importante per accrescere l’attrattività del museo RISO – spiega il direttore Maddalena De Luca -, il sostegno del PAC ci ha permesso di acquisire opere di artisti che hanno segnato l’attività culturale ed espositiva degli ultimi vent’anni, in collegamento con la collezione permanente del Museo a partire dai suoi nuclei concettuali”. “Così intorno alle opere site specific di Christian Boltanski e alle sue riflessioni sulla memoria – scrive Rosaria Raffaele Addamo nel testo in catalogo – , omaggio alle vittime anonime di tutte le guerre e delle tragedie che hanno riguardato più da vicino Palermo, sono stati allestiti i lavori di Hermann Nitsch – scelti con l’artista, pochi mesi prima della sua scomparsa – che, con la sua lettura laica e catartica del mondo, evoca rituali sacrificali in grado di trasformare in bellezza ciò che è insopportabile. In collegamento tematico e linguistico con le installazioni di Boltanski sono anche le due opere di Aldo Palazzolo che ritraggono le mummie delle catacombe di Savoca (Messina), come ad identificare metaforicamente, per ciascuno di quei volti, una figura cristica”. E si lega al “Circle of life” di Richard Long (nello spazio en plein air del Museo) il lavoro che Shay Frisch ha realizzato per RISO, in occasione della sua personale nel 2020: una croce bianca, costruita da componenti elettriche che generano un campo magnetico, che catalizza l’energia della terra. Il percorso si completa con l’acquisizione di opere fotografiche e video di Vanessa Beecroft e Regina José Galindo. La fotografia della Beecroft immortala un momento della performance realizzata allo Spasimo di Palermo, luogo simbolo della primavera della città, omaggio “vivente” agli stucchi e ai sarcofagi del Serpotta. Lo sguardo al sud del mondo caratterizza i due video della Galindo che, concentrati sul significato di sradicamento attraverso il corpo, propongono un parallelismo tra le piante provenienti da tutto il mondo, cuore dell’Orto Botanico, e le comunità straniere radicate nella città di Palermo.

Con fondi del Dipartimento Regionale dei Beni Culturali e Identità Siciliana è stato finanziato il progetto di valorizzazione delle opere acquisite “Archivio Matter: conservare e raccontare l’arte contemporanea”, ideato da Elisa Fulco e realizzato in collaborazione con  ruber.contemporanea. La giornata di studio, sempre venerdì 10 febbraio, dalle 14.30, propone una riflessione sui temi e la complessità metodologica e interpretativa sollevata dall’archivio d’artista. Un impulso archivistico che è stato accelerato dalla smaterializzazione dell’arte, avviata già negli anni ‘70 con la svolta concettuale, che ha reso necessario documentare l’idea progettuale come traccia del processo creativo; un’attitudine che è stata spinta oltre dalla dimensione digitale, dall’evoluzione dei linguaggi performativi, che ha portato ad ampliare e a ripensare lo spettro di ciò che è archiviabile e riattivabile in futuro.

www.coopculture.it

biglietteria.riso@coopculture.it

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Anche Liberty Lines alla Bit di Milano

Lun Feb 13 , 2023
Dopo un anno, di ripresa che ha portato grandi soddisfazioni dal punto di vista commerciale, Liberty Lines è presente alla Bit Fieramilano in corso di svolgimento  presso lo spazio “The Best Western of Sicily” per presentare le tante novità in programma per la stagione 2023. Il Direttore Commerciale Nunzio Formica ed il suo […]

Non perderti anche