Pomellato al fianco di Milano con #IAMWITHYOU

Read Time1 Minute, 12 Second

Durante l’ultima edizione della Milano Fashion Week, Pomellato ha voluto celebrare Milano e la sua bellezza con un’iniziativa speciale: #IAMWITHYOU.

Durante il lockdown, Milano ha ricevuto la solidarietà di molti personaggi noti, brand e testate giornalistiche e adesso arriva il momento della rinascita, ma i momenti difficili non vanno via dalla memoria e sono ancora lì, come un monito a non ripetere certi errori. Ma Milano è stata anche forte, solidale, ed è questo aspetto che Pomellato ha voluto celebrare con 30 scatti, realizzati da Giampaolo Sgura, in bianco e nero: il noto fotografo, che ha un legame speciale con Milano, ha ritratto volti noti, come Eva Riccobono, Chiara Ferragni (ambassador del brand), Cristiana Capotondi, Carlo Capasa (Presidente della Camera Nazionale della Moda), e non la Dott.sa Daniela Trabattoni, responsabile del reparto di cardiologia al Centro cardiologico Monzino, e Alessia Lai, la ricercatrice premiata dal Presidente Mattarella. A tutti loro è stato affidato il compito di raccontare cosa Milano significhi personalmente.

Sabina Belli, ceo di Pomellato, racconta come sia nata questa iniziativa, frutto del senso di connessione provato, la voglia di aiutare e condividere con gli altri.

L’iniziativa vuole promuovere un messaggio di appartenenza alla capitale della moda italiana, e continuare quel senso di unità che ha contraddistinto i mesi passati. Per ciascun ritratto realizzato, Pomellato farà una donazione alla Camera Moda Fashion Trust,  iniziativa no profit che supporta i giovani talenti che lavorano in Italia.

Cristina Izzo

Press Office, Press Reviewer, Web Content Creator, Collaborator for LaTuaNotizia,

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Bocelli e Mitoraj a Noto per promuovere i siti Unesco Siciliani

Ven Ott 2 , 2020
Il tenore – che sarà accompagnato dall’orchestra e dal coro del Teatro Massimo Bellini di Catania, con la regia di Alberto Bartalini – diventerà di fatto il testimonial dei sette siti Unesco presenti nell’Isola.