Parte dalla Sicilia YouMovie, la piattaforma dedicata al cinema indipendente italiano

Read Time1 Minute, 7 Second

Qualcuno l’ha già ribattezzata la Netflix del cinema indipendente. Si chiama YouMovie e nasce dall’idea di un gruppo di studenti del Centro Sperimentale di Cinematografia di Palermo.

Uno spazio online interamente dedicato alle produzioni cinematografiche indipendenti. Quelle produzioni che non possono contare sulla grande distribuzione e possono contare unicamente sui Festival di cinema. Festival che, a causa del coronavirus, hanno subito una drastica riduzione, sia in termini temporali che di pubblico. Da qui l’idea di dare vita a YouMovie. “Noi, con un pizzico di enfasi, la chiamiamo la “Netflix del cinema indipendente” spiega Davide Vigore, tra i promotori del progetto. – “Certo, un po’ scherziamo, ma non siamo molto lontani da quella definizione. E il primo ottobre partiamo con questa nuova affascinante avventura”.

Come funziona YouMovie

Ai registi che vorranno aderire al progetto basterà inviare il proprio film a YouMovie. Ovviamente ci sarà una selezione, perché l’obiettivo non è la creazione di un nuovo YouTube dove chiunque può caricare quello che vuole. Dopo di che, l’autore potrà decidere se far vedere il proprio lavoro gratuitamente o a pagamento chiedendo al visitatore un biglietto digitale. La piattaforma riconoscerà al regista il 75 per cento degli incassi, ne tratterrà soltanto un quarto per le spese di gestione.

La piattaforma sarà operativa dal primo ottobre a questo indirizzo. https://www.youmovie.it

S.C.

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

"Juliet ≡ Romeo", lo spettacolo con cui si riapre il sipario del Teatro Mandanici di Barcellona Pozzo di Gotto

Gio Set 24 , 2020
Si ricomincia al Teatro Mandanici di Barcellona Pozzo di Gotto: lo spettacolo è molto liberamente ispirato all’opera di Shakespeare ed è frutto del laboratorio multidisciplinare voluto dalla Giunta Materia e diretto da Sasà Neri