Un viaggio di Carnevale tra le regioni d’Italia assaporando i buoni dolci tipici

Read Time5 Minute, 52 Second

A Carnevale ogni dolce vale! La festa più colorata dell’anno è alle porte e per l’occasione proponiamo un viaggio attraverso lo Stivale, alla scoperta dei dolci tipici della tradizione carnevalesca del nostro Paese. Gli ingredienti principali? Olio bollente, generose spolverate di zucchero a velo e un intenso profumo di agrumi che invita ad entrare in tutte le pasticcerie e cucine d’Italia

A caccia di Testi di Tùrcu in Sicilia


This photo of Pasticceria Basile is courtesy of Tripadvisor

Il Carnevale in Sicilia affonda le sue radici nella tradizione araba. I Testi di Tùrcu, tipico dolce di Castelbuono, sono dei dolci al cucchiaio costituiti da sottili strati di sfoglia fritta alternati ad una crema di latte aromatizzata a limone e cannella e completati da una spolverata di cacao. Per trascorrere un dolce Carnevale a Castelbuono, i Travel Experts di PiratinViaggio consigliano di fare un salto al Bar Fiasconaro, locale della rinomata pasticceria Fiasconaro che è situato nella piazza principale, per assaggiare i deliziosi dolci di produzione artigianale e ammirare il panorama di quella che è una delle cittadine più suggestive della regione.

Prima di lasciare la Sicilia e varcare lo Stretto: la Pignolata messinese

La Pignolata è un antico dolce siciliano che ha origine ai tempi dei romani, quando veniva prodotto e consumato nel periodo del Carnem Levare (l’odierno Carnevale) e fu chiamata così perché questi dolci ricordavano una pigna ricoperta di miele. Infatti, la primissima pignolata fu quella che noi definiamo tradizionale, appunto, adornata col miele. Anche se questi dolci erano buonissimi, venivano consumati soprattutto dalle classi meno agiate e, quindi, era un dolce snobbato dai nobili. Solo durante la dominazione spagnola, i maestri pasticceri di Messina rielaborarono la pignolata al miele inserendo ingredienti più ricercati come il cacao ed i limoni con l’obiettivo di renderlo appetente anche alla nobiltà. Fu così che nacque l’evoluzione della pignolata, non solo al miele, ma anche glassata.

Il migliaccio: dolce della tradizione campana

La storia del migliaccio è molto antica e radicata nella tradizione, il suo nome deriverebbe nel latino ‘miliacius’, l’antico nome della farina di miglio. Era riconosciuto come una pietanza povera, preparata dalle donne con sangue di maiale e farina di miglio, che solo successivamente su sostituita con la farina di grano. Ben presto questo dolce divenne una pietanza nobile, proprio per la sua bontà. Attualmente il migliaccio è riconosciuto come uno dei dolci più famosi della tradizione carnevalesca napoletana, un dolce costituito da semola e grano, anche se in alcune usanze è composto addirittura da pasta, semola e uvetta, e ne esistono varianti dolci e salate. In alcune zone della Campania, il migliaccio è conosciuto anche col nome di ‘Sfogliata’ perché i suoi ingredienti ricordano quelli della famosissima sfogliatella, seppure in maniera più semplificata.

Le squisite zeppole della Sardegna

Le zeppole sono soffici e golose ciambelle a cui è difficile resistere: la versione sarda di queste delizie fritte si caratterizza per l’uso delle patate lesse nell’impasto che, assieme alle scorze di arancia e limone grattugiati, viene aromatizzato con la tipica acquavite della Sardegna, il fil’e ferru. Le deliziose zeppole, dopo essere state fritte in abbondante olio e ripassate nello zucchero semolato, vanno servite rigorosamente tiepide per essere gustate al meglio. Se il Carnevale viene associato a divertimento, stelle filanti e mascherine, in Sardegna è molto diverso: antico ed ancestrale e profondamente radicato nelle tradizioni medievali. A Oristano si festeggia la Sa Sartiglia, una delle più antiche manifestazioni equestri che si svolge l’ultima domenica di Carnevale e durante il Martedì Grasso. La Sa Sartiglia è una giostra con suggestive quadriglie dove cavalieri mascherati lanciati a tutta velocità tentano di infilare in corsa una stella sospesa, per auspicare un ottimo raccolto.

La schiacciata fiorentina in Toscana

In tutte le pasticcerie di Firenze è un must: la schiacciata fiorentina, riconoscibile dal Giglio di Firenze impresso sulla superficie con il cacao in polvere, è una morbidissima torta lievitata dal profumo intenso di arancia. La ricetta tradizionale non prevede alcuna crema ma molte rivisitazioni di questo dolce fiorentino propongono una squisita farcitura con la panna, la crema o il cioccolato. Per un perfetto Carnevale a Firenze i Travel Experts consigliano di andare a cenare da Pasticceria Giorgio che, oltre ad essere una prestigiosa pasticceria e luogo di incontro per golosi aperitivi, è anche un raffinato ristorante dove gustare prelibatezze a base di pesce freschissimo.

Le tagliatelle dolci fritte dell’Emilia Romagna

Le tagliatelle per tradizione sono la pasta tipica della regione anche a Carnevale! In occasione di questa festa l’impasto delle classiche tagliatelle viene arricchito con generose manciate di zucchero e qualche scorza di arancia grattugiata. La pasta viene poi fritta, arrotolata e cosparsa di zucchero a velo. Per un Carnevale all’insegna della tradizione culinaria emiliana, i Travel Experts consigliano di recarsi a Bologna e, dopo aver visitato la città e ammirato le maschere girovagare sotto i portici, la cosa migliore da fare è concedersi un aperitivo al Ripasso nella romantica Piazza Aldrovandi: un locale prezioso e curato nei minimi dettagli, che offre una scelta accurata di vini italiani e propone deliziosi cocktail preparati da mani esperte. Un piccolo angolo di paradiso dove trovare ristoro e ammirare le colorate opere d’arte, sempre in cambiamento!

Le frittelle di riso in Lombardia

Dolci, tonde e gonfie, le frittelle sono un must del Carnevale italiano! Una dolcissima variante è la frittella dal morbido cuore di riso che viene cotto nel latte aromatizzato da scorzette di agrumi assieme a burro e zucchero. Dopo la cottura il riso viene amalgamato ad un composto a base di uova, rum e farina e in seguito fritto. Per Carnevale i Travel Experts di PiratinViaggio consigliano di visitare la città di Mantova per assaggiare questi dolci deliziosi, ammirare il panorama cittadino al tramonto dal Ponte di San Giorgio e concludere la giornata cenando all’Antica Osteria Fragoletta, nel cuore del centro storico della città. Per una serata indimenticabile all’insegna di piatti tipici della tradizione mantovana e delle golose rivisitazioni in chiave moderna.

I galani del Veneto

Uno tira l’altro, è impossibile resistere! I galani, conosciuti anche con il nome di “crostoli”, sono i protagonisti del Carnevale non solo in Veneto ma in tutto lo stivale. Sottili, friabili a forma di nastro, oppure rettangolari e grezzi non importa, i galani sono un must per il Carnevale, soprattutto quello veneziano. Il Carnevale di Venezia ogni anno attira migliaia di visitatori da tutto il mondo e il filo conduttore che lega gli oltre 150 eventi, performances, spettacoli teatrali e laboratori è l’amore: dall’8 al 25 febbraio la Laguna si prepara ad ospitare “Il Gioco, l’Amore e la Follia”, tema dell’edizione 2020 di questa storica celebrazione. I migliori galani di Venezia si trovano a Pasticceria Tonolo, una delle storiche cremerie della Laguna: una tappa obbligatoria per godersi tutte le proposte dolciarie e perché no, concedersi un ottimo aperitivo circondati da maschere e coriandoli!

Edgar Allan

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Compagnia dei Balocchi: sold out per "Biancaneve" il musical a Messina

Sab Feb 8 , 2020
32 performer sul palco, una dozzina di voci soliste, un potente coro polifonico e la band dal vivo fanno registrare un bel sold out per la nuova “Biancaneve” della Compagnia dei Balocchi di Sasà Neri con Giulio Decembrini alla direzione musicale, Alice Ingegneri alle coreografie, Titti Galasso ai costumi, Ninetta […]