“Della terra, degli abissi ed altri mondi”: dal 5 al 16 aprile la mostra delle pittrici Mondello e Muscolino

Read Time1 Minute, 21 Second

Alle ore 19:00 di venerdì 5 aprile 2019, nei saloni espositivi del Teatro Vittorio Emanuele di Messina, nell’ambito del progetto “Opera al Centro” curato da Giuseppe la Motta, si inaugura la mostra “Della terra, degli abissi ed altri mondi” delle pittrici Dania Mondello e Lidia Muscolino.

Lidia Muscolino è nata ad Antillo (ME) ed ha vissuto a Roma dove si è formata artisticamente nella bottega del pittore polaco Pirkoski. Cofondatrice del gruppo artistico “Agaveblu” ha al suo attivo numerose mostre d’arte in Italia e all’estero.

Dania Mondello è la figlia di Lidia Muscolino, ha conseguito il Diploma Universitario di Operatore dei beni Culturali con indirizzo archeologico presso la facoltà di Lettere e Filosofia di Messina, successivamente si laurea presso l’Università degli studi di Firenze. Dopo la laurea frequenta l’Accademia delle Belle Arti Mediterranea conseguendo la laurea in Arti Visive e Discipline dello Spettacolo con indirizzo Decorazione. Fa parte dell’equipe di artisti che dipinge i Supereroi DC Comics sulle fiancate delle navi Tirrenia.

La mostra si compone di 29 opere di cui 1 dipinta a quattro mani, 13 di Dania Mondello e 15 quadri di Lidia Muscolino. Il tema dominante è racchiuso nel titolo della mostra: le tele come “Nostos”, il personaggio del dipinto a quattro mani, rievocano un percorso interiore che dall’inconscio (gli abissi) risale verso la realtà (la terra) e si spinge più in alto alla ricerca della conoscenza e della verità (altri mondi).

La mostra potrà essere visitata tutti i giorni, escluso il lunedì, dal 5 al 16 aprile nelle fasce orarie 10:00-13:00 / 16:00-19:00.

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

EcoModa, H&M diventa "responsabile"

Gio Apr 4 , 2019
Sembra che la moda usa e getta sia giunta al capolinea. Dopo anni di capsule collection che duravano il tempo della loro uscita, la moda ha riscoperto il valore della durata dei capi, la loro lavorazione, mettendo al bando produzioni con agenti chimici altamente inquinanti prima, e le pellicce poi. […]

Non perderti anche