Read Time3 Minute, 31 Second

Ti piacerebbe lavorare al Ministero dei Beni Culturali? Pensi di avere i requisiti per partecipare alla selezione? Nell’articolo tutti i dettagli

Il 29 gennaio 2020, il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo ha indetto una selezione internazionale pubblica per il conferimento dell’incarico di direttore dei seguenti istituti:

Biblioteca e Complesso monumentale dei Girolamnini di Napoli, Galleria Borghese (Roma), Galleria Nazionale delle Marche (Urbino), Museo Archeologico Nazionale di Cagliari, Museo Nazionale d’Abruzzo (L’Aquila), Museo Nazionale di Matera, Museo Nazionale Romano (Roma), Palazzo Ducale di Mantova, Palazzo Reale di Napoli, Parco Archeologico di Ostia antica (Roma), Parco Archeologico di Sibari (Cosenza), Pinacoteca Nazionale di Bologna, Vittoriano e Palazzo Venezia (Roma).

Tra gli uffici di livello dirigenziale generale rientrano la Galleria Borghese (Roma), il Museo Nazionale Romano (Roma), il Vittoriano e Palazzo Venezia (Roma).

Gli uffici a livello dirigenziale non generale riguardano invece la Biblioteca e Complesso monumentale dei Girolamnini di Napoli, la Galleria Nazionale delle Marche (Urbino), il Museo Archeologico Nazionale di Cagliari, il Museo Nazionale d’Abruzzo (L’Aquila), il Museo Nazionale di Matera, il Palazzo Ducale di Mantova, il Palazzo Reale di Napoli, il Parco Archeologico di Ostia antica (Roma), il Parco Archeologico di Sibari (Cosenza), la Pinacoteca Nazionale di Bologna.

I requisiti per accedere alla selezione sono la laurea specialistica o magistrale o qualsiasi altro diploma di laurea corrispondente alla normativa dettata dal decreto del MIUR del 3 novembre 1999, n. 509. Saranno validi anche i titoli di studio conseguiti all’estero.

Particolare rilievo sarà dato all’esperienza professionale. Viene infatti richiesta:

comprovata qualificazione professionale in materia di tutela e valorizzazione dei beni culturali, dimostrata dalla sussistenza di uno o più dei seguenti requisiti:

– essere dirigente di ruolo del Ministero;

– avere ricoperto ruoli dirigenziali, per almeno un quinquennio, in organismi ed enti pubblici o privati, ovvero in aziende pubbliche o private, in Italia o all’estero;

– essere in possesso di una particolare specializzazione professionale, culturale e scientifica desumibile dalla formazione universitaria e post universitaria, da pubblicazioni scientifiche e da concrete esperienze di lavoro maturate, per almeno un quinquennio, anche presso amministrazioni pubbliche, in Italia o all’estero;

– provenienza dai settori della ricerca e della docenza universitaria in Italia o all’estero.

La presentazione delle domande dovrà pervenire tramite questo indirizzo web https://mibact-online.beniculturali.it entro le ore 12:00 del 3 marzo 2020, allegando curriculum vitae e una lettera di motivazione di 1000 parole, in italiano e in inglese. Qualora si presentasse domanda per più di un istituto, nella lettera di motivazione sarà possibile ordinarli secondo le proprie preferenze di assegnazione.

Oltre al CV e alla lettera di motivazione sarà necessario allegare anche la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà sulla veridicità ed esattezza dei dati dichiarati, dichiarazione sull’insussistenza di cause di inconferibilità o incompatibilità con il ruolo, dichiarazione sostitutiva di certificazione.

Tutti questi documenti possono essere ritrovati nei file allegati messi a disposizione nella pagina ufficiale della selezione pubblica, seguendo questo link.

La commissione esaminatrice è incaricata di selezionare i partecipanti idonei al concorso per mezzo dell’analisi dei curricula e delle lettere di motivazione.

Sede del MIBACT

Gli incarichi previsti dal bando avranno durata di 4 anni, con possibilità di rinnovo una volta sola e per altri 4 anni.

La retribuzione annua lorda prevista per il direttore degli istituti di uffici di livello dirigenziale generale è pari a 145.000 euro, con possibilità di aumento – eventuale retribuzione di risultato – fino a un importo massimo di 35.000 euro per valutazione annuale positiva.

La retribuzione annua lorda prevista per il direttore degli istituti di uffici di livello dirigenziale non generale ammonta invece a 79.000 euro con eventuale retribuzione di risultato pari a un massimo di 15.000 euro.

Citando l’ultimo articolo del bando, “Ufficio responsabile del procedimento è la Direzione generale Organizzazione; responsabile del procedimento è la dott.ssa Marisa Calvino, email: infomusei@beniculturali.it

2. Dello svolgimento e dell’esito della procedura verrà data adeguata pubblicità nelle forme e i modi previsti dalla legge.

3. La procedura si concluderà entro il 31 luglio 2020. La commissione può chiedere, ove risultasse necessario per motivate esigenze istruttorie legate ai suoi lavori, una proroga di detto termine per un periodo non superiore a 90 giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *