Palermo presente alla maratona di video chirurgia mondiale a Roma con una sessione di live surgery

Read Time2 Minute, 48 Second

Palermo capitale della chirurgia. Per il terzo anno consecutivo, il dipartimento di Chirurgia del Policlinico, diretto dal professore Gaspare Gulotta, è stato scelto per partecipare alla sessione di live surgery con tecnologia visiva 3D e in 4K, insieme a circa 100 sale operatorie collegate dai 5 continenti

La diretta all’auditorium del Massimo di Roma. Il direttore Gaspare Gulotta: «La Sicilia non ha più bisogno di viaggi della speranza»

Una vera e propria maratona di video chirurgia, con 6000 specialisti tra il pubblico dell’auditorium del Massimo di Roma, in occasione del 30° Congresso di Chirurgia dell’Apparato digerente e altre migliaia nelle città coinvolte tra cui ci sono Sidney, New York, Chicago e solo Palermo per l’Italia meridionale.

Per celebrare l’importante riconoscimento, all’interno dell’Istituto di Chirurgia d’urgenza, è stata proiettata la teleconferenza, alla presenza del rettore dell’Università di Palermo, Fabrizio Micari, del direttore generale del Policlinico, Carlo Picco, del presidente della scuola di Medicina e Chirurgia, Giuseppe Gallina, e del direttore del dipartimento universitario di discipline chirurgiche, oncologiche e stomatologiche dell’università di Palermo, Giuseppina Campisi, insieme a studenti, specializzandi, alcuni primari della Sicilia occidentale e cattedratici.

Giuseppina Campisi

Nella sala operatoria attigua, il professore Gaspare Gulotta, insieme al suo aiuto Antonino Agrusa e al gruppo chirurgico, hanno eseguito degli interventi complessi di video chirurgia laparoscopica avanzata, un’acalasia esofagea, che corregge l’alterazione motoria dell’esofago, un’ernia iatale e un intervento di tumore del colon destro e uno sul rene sinistro. Con apparecchiature d’avanguardia in 3D e con la Spice 4K, messe a disposizione dall’azienda Policlinico e strumenti di pochi millimetri che non lasciano segni evidenti al paziente che, alla fine dell’intervento, può essere dimesso in un paio di giorni.

«Per la terza volta consecutiva – afferma Gulotta – abbiamo la possibilità imporci all’attenzione nazionale ed internazionale. Questo avvenimento è una grande festa della chirurgia, per far vedere i livelli raggiunti e siamo particolarmente fieri che Palermo, oggi, sia capitale mondiale della chirurgia. È un traguardo del reparto, del dipartimento ma anche di tutto il Policlinico, dell’Università degli studi di Palermo e della nostra Sicilia, ottenuto grazie al lavoro di tutti quelli che in questi anni hanno collaborato alla crescita della chirurgia. Spero che anche la politica se ne accorga e gli utenti, grazie anche alla stampa, perché una piaga per l’Isola sono i viaggi della speranza di cui non c’è davvero ormai bisogno, in Sicilia, al Policlinico di Palermo, al reparto di Chirurgia d’urgenza, si può operare ad altissimo livello».

Per il rettore dell’Università di Palermo, Fabrizio Micari «il riconoscimento è una dimostrazione dell’elevata capacità del gruppo chirurgico del professore Gaspare Gulotta di intervenire su problematiche complesse con attrezzature di rilievo. Il Policlinico universitario deve essere un ospedale di eccellenza, e con le tecnologie più avanzate, perché è legato alla formazione dei giovani medici e degli specializzandi».

E il direttore generale del Policlinico di Palermo, Carlo Picco aggiunge: «L’azienda è in buona salute, stiamo lavorando per l’innovazione e stiamo facendo investimenti sulla tecnologia nella chirurgia laparoscopica. Il reparto di Chirurgia d’urgenza da un benchmark che abbiamo fatto è il migliore della regione e questa giornata ne è una testimonianza. Stiamo lavorando per aumentare il numero di questi interventi con un tempo di degenza inferiore e costi quindi ridotti».

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

"Che mai non posso distaccare", ultimo appuntamento della rassegna Verba Manent al Teatro del Baglio

Ven Nov 29 , 2019
Con “Che mai non posso distaccare”, produzione del Teatro del Baglio, si conclude sabato 30 novembre la quarta edizione della rassegna diretta artisticamente da Valeria Sara Lo Bue

Non perderti anche