Sanremo 70: ecco chi sono le 8 nuove proposte che saliranno sul palco dell’Ariston

Read Time1 Minute, 8 Second

Il lungo percorso di avvicinamento alla finale di Sanremo Giovani 2019 era iniziato a ottobre con gli 842 artisti selezionati

Eugenio in via di Gioia, Fadi, Fasma, Leo Gassmann, Marco Sentieri: sfida dopo sfida, il parterre delle “Nuove Proposte” del Festival di Sanremo 2020 è finalmente completo. Saranno questi cinque artisti a calcare il palcoscenico del Teatro Ariston nella categoria “giovani” durante la 70ª edizione del Festival della Canzone Italiana, in onda su Rai1 dal 4 all’8 febbraio, dopo la serata di “Sanremo Giovani 2019” che ha visto esprimersi la Commissione Musicale presieduta dal direttore artistico del Festival Amadeus (e composta da Claudio Fasulo, Leonardo De Amicis, Massimo Martelli e Gianmarco Mazzi), la Giuria Demoscopica, la Giuria Televisiva e il pubblico attraverso il Televoto.

Ai cinque, si aggiungeranno i due vincitori provenienti da Area Sanremo Gabriella Martinelli e Lula e Matteo Faustini, selezionati dalla Commissione Musicale, mentre l’ottava concorrente delle “Nuove Proposte”, che accede di diritto come vincitrice della passata edizione di SanremoYoung, è Tecla Insolia.

Il lungo percorso di avvicinamento alla finale di Sanremo Giovani 2019 era iniziato a ottobre con gli 842 artisti selezionati, poi le audizioni dal vivo dei 65, i 20 semifinalisti che avevano partecipato alle quattro puntate di “Sanremo Giovani a ItaliaSì!”, infine i 10 finalisti di Sanremo Giovani. E ora i 5 artisti che si sono affermati nei “duelli”.

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

San Giovanni Bosco: il 31 gennaio si celebra il "padre e maestro della gioventù"

Ven Gen 31 , 2020
Fu fondatore dei Salesiani e delle Figlie di Maria Ausiliatrice e canonizzato nel 1934. Oggi, per la sua vita dedicata ai giovani, San Giovanni Bosco viene ricordato e invocato come il patrono della scuola