“A prescindere… Antonio De Curtis”, in DVD il documentario che ricorda il principe Totò

Read Time1 Minute, 55 Second

“A prescindere… Antonio De Curtis”, in DVD il documentario che ricorda il principe Totò e la perdita della vista sul palcoscenico, evento speciale il 2 agosto al Festival Corto di Sera

Pubblicato in dvd il documentario “A prescindere… Antonio De Curtis”: un viaggio nella vita e nell’arte del principe della risata Totò, attraverso la sua lunga carriera artistica, con un approfondimento sull’improvvisa cecità, avvenuta sul palcoscenico del Politeama di Palermo la sera del 3 maggio 1957. Il film, già candidato al Premio Nastri d’Argento 2020, ha visto alla regia Gaetano Di Lorenzo e alla direzione di produzione di Francesco Torre (associazione Arknoah), entrambi autori anche di un libretto introduttivo al film.

Il docufilm, adesso reperibile in dvd pubblicato da Edizioni Ex Libris, è stato realizzato con il contributo di Sicilia Film Commission e Scalia Group Srl, prodotto da Arknoah con le musiche di Giovanni Renzo e le riprese e il montaggio di Pietro Vaglica. Sarà proiettato il 2 agosto prossimo come evento speciale al Festival Corto di Sera di Itala (ME) alla presenza dei produttori Francesco Torre e Maurizio Munaò e del musicista Giovanni Renzo.

Nel dvd vi è un’accurata ricostruzione storica della figura di Totò attraverso numerose e inedite testimonianze di studiosi e di attori, che hanno avuto il privilegio di conoscere o di lavorare con il Principe.

Elemento cardine del docufilm è la ricostruzione, in bianco e nero, dell’intervista rilasciata da Totò a Giovanni Di Girolamo proprio quando la cecità colpì l’artista napoletano. Il giornalista Di Girolamo è interpretato da Ferdinando Chifari mentre il ruolo di Totò è stato affidato a Gianfranco Ponte, grande studioso di Antonio De Curtis e attore egli stesso che, con i suoi spettacoli, veste gli immortali panni di Totò, intrattenendo il pubblico con i suoi più celebri sketch. Tanti i contributi fotografici e le recensioni tratte dai giornali e dalle riviste di quegli anni, fra cui un testo di Franca Faldini letto da Emanuela Mulè.

Durante la visione del film, fanno da intermezzo le interviste a Giuseppe Bagnati (giornalista e scrittore), Ennio Bispuri (scrittore e storico del cinema italiano), Nello Bonvissuto (spettatore di “A prescindere”), Giuseppe Cascio (oculista), Domenico Livigni (collezionista e scrittore), Gigi Petyx (fotografo), Francesco Puma (critico cinematografico) e agli attori Elio Pandolfi, Giacomo Rizzo e Corrado Taranto.

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Il caso non esiste, o forse si. In libreria il nuovo libro di Paolo Stella

Gio Lug 30 , 2020
Alle volte capita di entrare in libreria alla ricerca di un libro ben specifico, ma talora accade un altro tipo di magia. Quella che ti spinge ad avvicinarti a un tavolino basso, a una scaffalatura, e lì, tra tanti libri uno in particolare attrae l’attenzione: sarà la copertina accattivante, il […]