#IlTuoNatale: Mamma ho perso l’aereo, un cult da rivedere per un po’ di sana allegria

Read Time1 Minute, 12 Second

Chi non ha visto e rivisto più volte Mamma ho perso l’aereo? Nel periodo di Natale questo film è un classico da rivedere e puntualmente la tv lo ripropone. E, specialmente in questo periodo, forse una sana risata è proprio quello che ci vuole.

Al centro della vicenda il più piccolo della famiglia McCallister: Kevin. Tutta la famiglia è pronta per partire per le vacanze natalizie, ma la mattina della partenza, per via del ritardo proprio Kevin viene dimenticato a casa!

Da questo momento in poi il giovanissimo McCallister vive mirabolanti avventure, compresi i suoi tentativi di tenere lontano da casa due ladri di quartiere entrati in azione proprio in quei giorni.

Solo appena arrivati in aereo, i familiari si accorgono dell’assenza di Kevin.

Della fortunata pellicola, uscita nel 1990, esiste anche un sequel, “Mamma, ho riperso l’aereo: mi sono smarrito a New York”. Qui, la famiglia McCallister parte per andare a trascorrere le vacanze natalizie a Miami.

Questa volta Kevin non viene dimenticato a casa come l’anno precedente, ma si smarrisce nella confusione dell’aeroporto, dove perde di vista i genitori e segue un uomo fisicamente simile al padre e così s’imbarca su un aereo sbagliato, quello diretto a New York.

Anche qui Kevin ne combinerà di tutti i colori!

Se vi va di passare una serata diversa, dal sapore spensierato, beh non vi resta che rivedere questi film!

Ecco dove poterli vedere: Disney Plus con abbonamento, Amazon Prime, Google Play

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

8 dicembre 1980, "hanno ammazzato John, John è vivo"

Mar Dic 8 , 2020
Sono trascorsi 40 anni dall’omicidio di Lennon, il celebre musicista britannico venne colpito da 4 proiettili sparatigli alle spalle da Mark David Chapman, un fan squilibrato, nell’ingresso della sua residenza a New York City. Il mito del “fuoriclasse” della musica vive nella cultura popolare e la sua “rivoluzione” è quanto […]

Non perderti anche