“La stanza degli abbracci” lo spot di Giuseppe Tornatore a sostegno della campagna di vaccinazione

Tornatore ha accettato di contribuire con il proprio talento alla lotta contro il virus, chiamando a collaborare per le musiche anche il Maestro Nicola Piovani.

Read Time1 Minute, 11 Second

La regia di Giuseppe Tornatore e le musiche di Nicola Piovani per “La stanza degli abbracci”, il titolo del primo di quattro spot, ideati e diretti proprio da Giuseppe Tornatore, su richiesta del Commissario Straordinario per l’emergenza Covid-19, per la promozione nazionale della campagna di vaccinazione anti-covid appena partita.

GIUSEPPE TORNATORE: HO ADERITO IMMEDIATAMENTE

Non so quando sarà vaccinato – ha dichiarato Tornatore ospite a Domenica In – io ho 64 anni, non so quando mi toccherà. Sono stato convocato poco tempo fa dal commissario Arcuri, mi ha chiesto di ideare e realizzare dei piccoli film, degli spot, per una campagna di sensibilizzazione sulla necessità di vaccinarsi, e io ho aderito immediatamente, mi sembrava che fosse doveroso fare nel mio piccolo il mio dovere e ho proceduto col proporre delle storie“. “Ne abbiamo scelte alcune – ha proseguito il regista – sono tre soggetti che ho già girato. C’è una trilogia, chiamiamola così, forse per darci una maggiore allure, già realizzata: uno spot è già pronto, il secondo è già in montaggio, poi seguirà il terzo e forse ce ne sarà un quarto che però è diverso da questi tre. Le persone incerte non vanno colpevolizzate – prosegue Tornatore – vanno comprese e aiutate, e nello spot c’è anche questo tema, e poi c’è il tema del presagio della fine di tutto.”

Lo spot è visionabile sul canale Youtube di Palazzo Chigi

S.C.

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Sicilia zona rossa, Musumeci: "decisione sofferta e meditata"

Lun Gen 18 , 2021
La zona rossa per la Sicilia è stata ottenuta dal governo regionale a seguito della richiesta avanzata al ministro della Salute, ed è stata chiesta sulla base dei dati relativi alla costante e graduale crescita dei contagi