Libero Cinema in Libera Terra 2020: riparte la carovana con altre sei tappe

Read Time4 Minute, 56 Second

Memoria, agricoltura, povertà, educazione e informazione per riflettere ancora sui diritti del nostro nuovo mondo

Il 14 settembre riprende la 15a edizione del Festival. Lo schermo, in collaborazione con Mymovies.it, si accenderà in sei regioni italiane, prenotando il proprio posto attraverso il link https://www.mymovies.it/ondemand/cinemovel/

Al via la seconda fase della 15° edizione di Libero Cinema in Libera Terrafestival promosso da Cinemovel e Libera, che da lunedì 14 settembre offrirà la possibilità di partecipare a un viaggio composto da sei ulteriori tappe. Un cammino no-stop ricco di incontri e approfondimenti, che si concluderà domenica 20 settembre, dopo che sullo schermo di MYmovies.it ─ media partner del festival, già insieme a Cinemovel Foundation per l’iniziativa Schermi in Classe – #iorestoacasa ─ scorreranno le immagini dei film selezionati con la collaborazione di Fabrizio Grosoli.

Dopo aver sperimentato la rinnovata e apprezzata formula nel mese di luglio (5.100 gli spettatori nella sala di Mymovies.it e 25.000 le persone che hanno assistito al programma “Diritti al nuovo mondo. Libero Cinema Incontra”, lo spazio interattivo condotto da Enrico Fontana), il 14 settembre l’albero di Cinemovel farà muovere le sue radici di cavi digitali per conoscere e raccontare mondi vicini e lontani in un particolare periodo dell’anno per l’agricoltura.

È, infatti, ormai tempo di raccolta dell’uva per le tante cooperative impegnate sui beni confiscati a cui Libero Cinema farà visita. Cinemovel ha scelto di dare vita a questi momenti di scambio e di dibattito con i suoi tanti ospiti e con i giovani quotidianamente impegnati, tra fatica e speranze di cambiamento, in una sfida di lavoro e di crescita che in questa edizione del Festival porterà i suoi riflettori su sei regioni italiane (Lombardia, Toscana, Campania, Puglia, Calabria e Sicilia).

«La costruzione e l’affermazione di un nuovo umanesimo fondato sull’affermazione dei diritti universali – dichiara Elisabetta Antognoni, presidente di Cinemovel – passa necessariamente per una azione di lotta contro le mafie e la corruzione tanto nel Nord quanto nel Sud del Paese, e una riflessione profonda, appassionata e intensa sui temi che caratterizzano il nostro lavoro e il nostro impegno: memoria, agricoltura, povertà, educazione ed informazione».

Diritti al nuovo mondo, Libero Cinema Incontra. Il racconto delle sei tappe, da potere seguire prenotandosi attraverso il link https://www.mymovies.it/ondemand/cinemovel/

La prima tappa, lunedì 14 settembre,  a “Le Querce di Mamre”, centro diurno per anziani realizzato in un bene confiscato alla ‘ndrangheta e restituito alla legalità nel comune di Galbiate (Lc), per parlare di memoria pubblica, dei meccanismi della sua costruzione e del ruolo e della funzione riservati alle immagini. Il centro ospita, infatti, “Memo-Memorie in Movimento“, un percorso multimediale, visitato da studenti di tutta Italia, per condividere una sfida tra passato e futuro. Interverranno: David Bidussa (storico), Lorenzo Frigerio (Libera Informazione), Roberta Magliacano (Coop Arcobaleno), Daniela Marcone (vicepresidente di Libera e referente nazionale dell’associazione per l’Area memoria), Monica Willi (regista).

Alle 21.30, proiezione di Untitled di Michael Glawogger e Monica Willi (Austria, Germania 2017, 103 min), un viaggio tra Italia, Balcani e Africa che nel dicembre del 2013 il regista Michael Glawogger sceglie di intraprendere. Serendipity è l’unico concetto e l’unica regola creativa a cui attenersi nel suo percorso.

Il Film

Nel 2014, durante le riprese delle sue esperienze di viaggio, il documentarista austriaco (fotografo, direttore della fotografia, scrittore) Michael Glawogger muore improvvisamente di malaria, in Liberia, a 54 anni. La sua storica montatrice Monika Willi rielabora il girato del regista, la cui idea iniziale era viaggiare per un anno e filmare senza un tema precostituito: Ungheria, Bosnia Erzegovina, Croazia, Serbia, Montenegro, Albania, Italia, Marocco, Mauritania, Senegal, Guinea Bissau, Guinea, Sierra Leone. Fino alla Liberia, ad Harper, città fantasma dilaniata dalla guerra civile e affacciata sull’Atlantico, con il desiderio di scomparire. Alle immagini dell’operatore Attila Boa, Willi giustappone poche didascalie e alcuni estratti dai diari del regista. Parole che suonano come una guida per lo spettatore, nel viaggio in un montaggio per accumulazione, privo di centro, programmaticamente randomico.

Ecco il  programma con le altre tappe.

Martedì 15 settembre: Ore 20.45 dalla Tenuta di Suvignano (SI). Ore 21.30 Ancora un giorno di Raúl de la Fuente, Damian Nenow (Polonia 2018, 85 min.).

Mercoledì 16 settembre: Ore 20.45 dalla Cooperativa “Al di là dei Sogni” di Maiano di Sessa Aurunca (CE). Ore 21.30 Fuocoammare di Gianfranco Rosi (Italia 2016, 107 min.).

Giovedì 17 settembre: Ore 20.45 In collegamento dalla Cooperativa “Pietra di Scarto” di Cerignola (FG). Ore 21.30 The Harvest di Andrea Paco Mariani (Italia 2017, 73 min.).

Sabato 19 settembre: Ore 20.45  dalla sede della Cooperativa “Valle del Marro Libera Terra” di Polistena (RC). Ore 21.30 Parola d’onore di Sophia Luvarà (Italia 2020, 84 min.).

Domenica 20 settembre: Ore 20.45 in collegamento da Piazza Beppe Montana, a Catania. Ore

21.30 Fortapàsc di Marco Risi (Italia 2009, 108 min.).

Libero Cinema in Libera Terra è promosso da: Cinemovel Foundation e Libera, associazioni, nomi e numeri contro le mafie

Partner istituzionale: Fondazione Unipolis

Con il sostegno di: Miur e MiBACT

Main partner: BNL Gruppo BNP Paribas Solidal partner: Coop Alleanza 3.0

Creative partner: Lucrezia Gismondi; Articolture; Frames on the Moon

Media partner: Internazionale; MYmovies.it; Libera Informazione

Per aggiornamenti e per seguire il viaggio della carovana

www.cinemovel.tv, www.facebook.com/cinemovel/; www.twitter.com/cinemovel

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Sulla rotta del tonno rosso: a Valderice, la nuova vita delle Muciare della Tonnara di Bonagia, con lo chef Peppe Giuffrè

Mer Set 9 , 2020
Gli interventi di recupero delle storiche imbarcazioni della mattanza. Degustazione gratuita con gli chef Giuffrè e Rosario Matina. Il ricordo dell’ultimo tonnaroto Lorenzo Carpitella