Festival Lirico dei Teatri di Pietra: al via da Gela la speciale edizione settembrina

Read Time2 Minute, 45 Second

L’11 Settembre si aprirà a Gela, presso le Mura Timoleontee, la speciale edizione settembrina del Festival Lirico dei Teatri di Pietra promosso dal Coro Lirico Siciliano. Ad aprire un omaggio alla Canzone Italiana. Tra le altre tappe Caltanissetta e Ragusa.

Non si è ancora spento l’eco del successo del Festival Lirico dei Teatri di Pietra che, in questa fortunata edizione 2020, ha portato la grande musica presso i Teatri dell’antichità siciliana; un’edizione che si è già affermata quale memorabile e storica data la qualità della proposta artistica e il parterre di stelle del panorama musicale intervenuto confermandosi tra le manifestazioni di prestigio e di rilievo artistico a livello nazionale e internazionale e definita come la stagione più “cool” dell’Estate Siciliana 2020.

Ricchi di tali ampi consensi di pubblico e di critica , il Coro Lirico Siciliano, ente promotore del Festival Lirico dei Teatri di Pietra, ha deciso di realizzare una speciale edizione settembrina in alcuni luoghi dal grande impatto emotivo e di impareggiabile bellezza che confermano la Sicilia quale “Terra degli Dei”.

La kermesse di Settembre si aprirà giorno 11, alle ore 21, presso le suggestive Mura Timoleontee di Gela che, immerse nei profumi e nelle essenze della macchia mediterranea, dominano la collina ed il Golfo di Gela e diventeranno scenario unico per il GRAN GALA LIRICO che verrà realizzato con le voci degli artisti del Coro Lirico Siciliano.

Le voci del Coro Lirico Siciliano, accompagnate dal valido Ruben Micieli, faranno rivivere le passioni, le grandi emozioni, le suggestioni e i sentimenti delle più commoventi e struggenti pagine dei compositori italiani e non. Suites da “La Traviata”, “I Puritani”, “La Boheme”,”Rigoletto”, “Tosca”, “Madama Butterfly”, “Carmen”, etc potranno essere apprezzate dal numeroso uditorio che è solito aderire al forte richiamo evocativo della musica classica.

La serata prevederà anche un omaggio alla Canzone Italiana: le immortali melodie che hanno suggellato la tradizione artistica e culturale del “Bel Paese”. Un viaggio in musica tra le più celebri pagine del ricco e amato repertorio nel Novecento italiano musicale: da Tosti a De Curtis, da Leoncavallo a Bixio.

Il ricco e accattivante programma proporrà anche alcune tra le più frizzanti pagine del repertorio operettistico: estratti da Il paese dei campanelli, Cin ci là, La principessa della Czarda, Il paese del sorriso, etc.

Una serata ricca di musica ma anche di emozioni grazie alle eterne e sublimi melodie con cui gli immortali operisti hanno incarnato l’amore e la forza del sentimento.

Il Festival Lirico proseguirà il 13 Settembre presso il Parco Archeologico Urbano “Palmintelli” di Caltanissetta e il 19 Settembre presso il Castello di Donnafugata a Ragusa.

Il Festival Lirico dei Teatri di Pietra, riconosciuto come iniziativa di alto rilievo culturale e artistico, si svolge sotto l’Alto Patrocinio del Parlamento Europeo e delle più importanti cariche istituzionali italiane, il Patrocinio del Pontificium Consilium de Cultura, della Regione Siciliana, Assessorato Regionale Turismo, Sport e Spettacolo e Assessorato dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, della Rai Sicilia, del Comitato Pietro Mascagni, della Fondazione Verona per l’Arena e della Confederazione Italiana Archeologi.

Per info e prenotazioni data la riduzione dei posti disponibili:

CALTANISSETTA: 0934570449 – 3409790959

GELA: 389 485 9315 – info@radiogelaexpress.it – Ticketone – Tabaccheria Pepi

DONNAFUGATA – RAGUSA: info@teatrodonnafugata.it 334.2208186

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Arriva in libreria Serpent & Dove, lo young adult che ha stregato il pubblico

Mer Set 9 , 2020
Un bestseller che ha conquistato le classifiche sin dal suo esordio, al #2 della classifica del New York Times sin dal primo giorno. Gli amanti del fantasy attendono il debutto in Italia già da un po’