WRITE, progetto di residenza internazionale di drammaturgia: la VI edizione sarà online

Read Time1 Minute, 14 Second

9 autori di diverse nazionalità: Italia, Belgio, Turchia e Grecia, si confronteranno sulla scrittura drammaturgica. Il progetto è ideato e coordinato da Tino Caspanello, l’organizzazione della manifestazione è curata da Gigi Spedale per Latitudini Rete siciliana di drammaturgia contemporanea, il progetto grafico è di Cinzia Muscolino.  

Dal 14 al 19 dicembre 2020 torna WRITE – Residenza internazionale di drammaturgia, presso la sede del COSPECS dell’Università di Messina, in edizione online e sperimentale “Words and Arts“, grazie alla collaborazione del DAMS e con il patrocinio dell’Assessore regionale al Turismo, Sport e Spettacolo e dell’ERSU di Messina. 

Diari di drammaturgia saranno a cura di Vincenza di Vita mentre la professoressa Katia Trifirò curerà il progetto DAMS con gli stagisti dell’Università di Messina.

L’evento, che taglia il traguardo della sesta edizione, è un appuntamento molto atteso, dopo i premi dell’Associazione Nazionale dei Critici Teatrali ANCT, a WRITE nel 2018, quale migliore progetto di residenza teatrale/festival italiano e alla RETE LATITUDINI nel 2019, per l’intensa attività a sostegno del Teatro in Sicilia.

Venerdì 11 dicembre 2020 alle ore 11:00 si terrà la conferenza stampa di presentazione su piattaforma digitale.

Saranno presenti, oltre agli organizzatori di WRITE, il Direttore del Dipartimento COSPECS, Prof. Pietro Perconti; il Coordinatore del DAMS dell’Università di Messina Prof. Dario Tomasello; il Presidente dell’ERSU Messina, Prof. Pierangelo Grimaudo; l’Assessore regionale del Turismo e Spettacolo Dott. Manlio Messina.

Fonte: Ufficio Stampa Rete Latitudini

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

#IlTuoNatale- si vola a Londra con Love Actually

Mer Dic 9 , 2020
E’ difficile trovare una commedia di Natale che sia ben fatta, che faccia ridere e piangere allo stesso tempo (anche se si spera più nella prima che nella seconda). Esiste la ricetta giusta per la commedia di Natale perfetta? Cosa serve? Un grande cast, una storia triste ma con un […]