Su Focus due documentari inediti sulle quattro ruote: «Automobili: le grandi fabbriche» e «Spirito italiano»

Read Time1 Minute, 58 Second

Leggenda, velocità, lusso, prototipi, numeri uno: il primo doc è firmato Endemol Shine Group per ITV; il secondo è un prodotto originale e inedito, realizzato dal canale tematico diretto da Marco Costa.

Doppio appuntamento – il 30 ottobre e il 13 novembre, dalle ore 21.15 -, su Focus, con «Automobili: le grandi fabbriche» e «Spirito italiano», imperdibili documentari per gli amanti di ingegneria e restauro delle quattroruote.

«AUTOMOBILI: LE GRANDI FABBRICHE» | ore 21.15

Ingegneria automobilistica, dalla progettazione, all’assemblaggio fino al collaudo di autovetture da sogno. Dai mostri sacri del lusso e prestazioni su strada, come la Maserati Quattroporte, l’Aston Martin DBS Superleggera e la Bentley Continental GT. Ad auto sportive meno note, come la Morgan Plus Six (inglese, motorizzata BMW). A veri e propri miti, come il leggendario cab londinese, fino a prototipi sperimentali come l’auto razzo, in grado di raggiungere i 1.000 km/h. 

La visita degli stabilimenti ripercorre tutta la filiera produttiva, settore per settore: progettazione, carrozzeria, assemblaggio, verniciatura, controllo finale, messa su strada. In ciascun reparto, resta fondamentale l’incontro tra la precisione assoluta della robotica più avanzata e l’insostituibile sapienza delle manifatture specializzate. Maestranze in grado di dare all’autovettura l’attenzione al dettaglio unicamente frutto dell’esperienza umana. L’unica capace di trasformare un’auto in un sogno. Infine, tecniche innovative e personalizzazioni inimmaginabili: come quella di un proprietario in possesso di un frammento di Luna, che ha voluto che la sua supercar fosse verniciata con un pigmento ispirato a quella rarissima pietra.

«SPIRITO ITALIANO» | ore 23.15

Restauro di auto d’epoca da collezione, con Corrado Lopresto – imprenditore e collezionista d’auto di fama internazionale, specializzato in auto italiane e, in particolare, in numeri uno (i primi pezzi di modelli storici) – in veste di host del programma. 
Opere d’arte, più che automobili, mostrate allo spettatore con rispetto, passione e curiosità, come per il racconto della rinascita di quattro modelli simbolo della motoristica italiana: CisItalia del 1948, Alfa Romeo 1900 La Flèche del 1955, Lamborghini Miura del 1968, Alfa Romeo 6C del 1939.

Il restauro conservativo di un’auto d’epoca, infatti, non significa solo restituirla all’antico splendore. Comporta una ricerca filologica tra archivi e documentazioni rare e l’essere in grado di trovare il giusto pezzo, quello che non tradisce il progetto originale. 

Fonte: http://www.quimediaset.it/

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Benedetta Bruschi debutta in libreria con Nessuna Differenza

Ven Ott 30 , 2020
Riesci a descrivere un’emozione? Impresa difficile, per niente banale, soprattutto quando si tratta di analizzare e raccontare un’ampia gamma di emozioni. Paura, rabbia, sorpresa, disgusto, tristezza, disprezzo, felicità: sono sette emozioni che accomunano tutti e sette miliardi di persone nel mondo. In maniera diversa, tutti le proviamo, la matrice è […]