#CoronaVirus: combattiamolo con il potere della condivisione

Read Time2 Minute, 20 Second

Lo chiamano il potere della condivisione: una forza che batte paure, barriere, confini, differenze visibili solo a occhi miopi. Può la condivisione salvare? Può fermare un virus? Probabilmente no, però sicuramente la condivisione smuove le coscienze, le obbliga a una mobilitazione. La storia della condivisione dell’era moderna nasce con i  social e trova negli influencers i suoi personaggi principali: non tutti sempre all’altezza della storia che si sta raccontando, ma c’è da dire che nelle storie non ci sono solo eroi e modelli

L’ultima frontiera appena conquistata dal potere della condivisione vede schierati in prima fila Chiara Ferragni e Fedez: in due, un valore impressionante (in termini di followers, dato che si parla di social) e una coscienza critica che non li fa vivere fuori dalla realtà. Sembrerebbe diversamente dalle stories che postano: una vita in vacanza, ma alzi la mano chi non ha mai visto tra le tante pubblicazioni i due fare del bene. Non la vecchietta per strada magari, ma cause più grandi, storie più ai margini che raramente trovano spazio sulle pagine dei giornali.

Così se non hai una chance, loro e il loro “potere della condivisione” sembrano sopperire alle mancanze che il fato mette in conto in una vita. Possono piacere o non piacere, ma rimane il fatto che in tempi di paura, irrazionalità, dove si dice che tutto andrà bene (ma è sempre bene non darlo per scontato), superficialità e crisi, i Ferragnez siano riusciti a raccogliere più di tre milioni di euro in 90 paesi diversi per aiutare un ben noto ospedale milanese.

Verrebbe da chiedersi perché non aiutare la sanità italiana in generale, visto che lo sforzo collettivo riguarda l’Italia tutta, ma quella è un’altra storia: la storia qua è che la lezione da imparare c’è. La condivisione di una vita intera, o quasi, ti rende credibile quando credi aiuto per qualcosa, non importa l’odio espresso tra i commenti di un tuo momento felice o di un ricordo prezioso. Tu scegli di condividere e credi in questo potere, sia per le risate sia per le lacrime.

#Iorestoacasa #Litalianonsiferma #milanononsiferma: una scelta di condivisione di una speranza comune, ti fermi per ricaricare le pile, aspettando che passi la buriana. Obbligati a stare a casa, il tempo per riflettere c’è, non solo per guardare Netflix: si può scegliere se disperarsi perché non si ha un selfie perfetto da postare o se postare qualcosa che aiuti davvero.

Dall’iniziativa dei Ferragnez, a cascata sono partite in tutta Italia iniziative di supporto e raccolta fondi per gli ospedali delle varie regioni, ancora fortunatamente non in trincea come quelli lombardi, ma si combatte un nemico imprevedibile ed è meglio giocare d’anticipo. La domanda resta: il potere della condivisione batte la futilità di un selfie?

Cristina Izzo

Press Office, Press Reviewer, Web Content Creator, Collaborator for LaTuaNotizia,

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

#CoronaVirus, il decreto dell'11 marzo: chiuse le attività commerciali in tutta Italia [VIDEO & TESTO DEL DECRETO]

Gio Mar 12 , 2020
Nuove misure in materia di contenumento dell’emergenza da COVID-19: il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha firmato un nuovo decreto che sancisce la chiusura di tutte le attività commerciali al dettaglio su tutto il territorio italiano, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità. NELL’ARTICOLO […]