La rinascita della ceramica: il Kintsugi a Palermo

Read Time3 Minute, 13 Second

Rinascere a nuova vita tramite la ceramica: una crepa, un taglio, una sbeccatura diventano elementi da cui fuoriesce l’anima dell’oggetto. Che l’artista riesce a cogliere e a far suo. Sabato 15 ottobre alle 12  si inaugura una nuova vetrina d’artista su strada a Palazzo Belmonte Riso che ospita RISO – Museo d’arte contemporanea della Sicilia: “La rinascita della ceramica: il Kintsugi a Palermo” di Krista Arte & Kintsugi, in collaborazione con CoopCulture. Ne parlerà con l’artista, Maria Antonietta Spadaro, storico dell’arte. Le vetrine d’artista sono un progetto curato da Patrizia Italiano per Coopculture. “Dare spazio all’arte e all’artigianato nelle vetrine del Museo è un modo per proteggere e mettere in risalto le piccole produzioni di qualità, le idee, le competenze e le esperienze degli artigiani, diffondendo cultura della bellezza e delle identità territoriali” spiega la Italiano.


Kintsugi è una parola composta da un nome e un verbo: oro e ricongiungere. Maria Cristina Azzarello, in arte Krista, si ricongiunge così alle sue origini e al caldo sole della Sicilia, che avvolge tutto con la sua luce dorata. Nata e cresciuta in Lombardia, Krista è figlia di genitori siciliani ed è attraverso il Kintsugi, appunto, che è riuscita a creare un legame con la sua terra d’origine dove oggi si propone come artista sui generis. Krista fa rinascere gli oggetto restituendo loro l’anima. Tutto passa attraverso una tecnica di restauro millenaria della tradizione giapponese che l’artista utilizza a regola d’arte.


IL PROGETTO

L’intento di Krista è quello di animare le ceramiche, farle brillare di luce propria, creare emozioni in chi le osserva.  E’  il Kintsugi la chiave con cui l’artista riesce a comunicare il progetto: quella rinascita che ultimamente, in tutta l’isola, si respira e si manifesta con prepotenza in diversi ambiti, e in special modo nell’arte e nella cultura in generale. Infatti una sezione della mostra di Krista è dedicata proprio alla sua Sicilia.


Tutte le opere esposte sono pezzi unici, realizzati da artigiani-ceramisti su oggetti in ceramica, gres, vetro, maiolica; considerati inutilizzabili per rotture accidentali, sbeccature, tagli, gli oggetti attraverso il Kintsugi riacquistano quell’anima che l’artigiano aveva trasmesso nel crearli: in tal modo ogni opera potrà essere usata nuovamente recuperandone la sua funzione originaria,  rinascendo di fatto con una  veste nuova,  ritornando  a ‘vivere’ senza nascondere le sue ferite. Il Kintsugi permette di entrare in una dimensione mentale fatta di resilienza e forza. Ogni cicatrice dorata è in grado di destare sensazioni, emozioni, ricordi.


Biografia

Krista si è diplomata al Liceo Artistico nel 1988, ha frequentato la Facoltà di Architettura e ha collaborato con lo studio dell’architetto Carlo Ricci di Milano.

Appassionata d’arte ha continuato la sua ricerca sperimentando varie tecniche come la pittura, la ceramica e il mosaico. Affascinata dal mondo del restauro, si è avvicinata al Kintsugi in punta di piedi frequentando insegnanti professionisti. La svolta importante per acquisire in modo significativo l’arte del Kintsugi è stato l’incontro con Aiko Zushi, maestra Kintsugi giapponese che, oltre a insegnarle i segreti del kintsugi, le ha trasmesso i concetti chiave del Wabi Sabi (la bellezza nella semplicità e nell’imperfezione). Oggi Krista collabora con artisti ceramisti, partecipando a fiere del settore ceramico. Lavora  su commissione per privati, antiquari e orafi. Insegna kintsugi, sia privatamente, che presso Tenho a Milano, Bunka Accademy e altre associazioni.

Il rispetto della tradizione è alla base del suo rapporto con quest’arte affascinante e delicata che le ha cambiato la vita.


Krista Arte & Kintsugi

LA RINASCITA DELLA CERAMICA: IL KINTSUGI A PALERMO

RISO |  Museo d’arte contemporanea della Sicilia

Corso Vittorio Emanuele, 365 | Palermo

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Toni Servillo diventa Pirandello nel film di Roberto Andò

Gio Ott 13 , 2022
“Questo film nasce dall’intesa elettiva con Ficarra e Picone due straordinari interpreti della comicità e dell’anima siciliana. Da molto tempo vagheggiavamo di fare un film insieme. Due anni fa, in pieno lockdown, ho ricevuto una loro telefonata in cui mi segnalavano che era arrivato il tempo di realizzare questo nostro […]