Ikea “debutta” nella moda con una sua collezione

Read Time1 Minute, 21 Second

Dici Ikea, dici casa, mobili da montare (meglio non pensare alle difficoltà nel montarli). Adesso, il colosso svedese dell’arredamento ha deciso di ampliare i propri campi di azione e si lancia nel mondo della moda. 

Non è la prima volta che Ikea tenta questo azzardo: nel 2015, il brand aveva stretto una collaborazione con Katie Eary e Martin Bergström, nel 2017 con Colette e l’anno scorso ha realizzato con Virgil Abloh, fondatore di Off-White e direttore creativo del menswear Louis Vuitton, la capsule ‘Markerad’, una linea di complementi d’arredo. Ma era ancora troppo legato alla casa.

Questa volta, Ikea fa sul serio e presenta Eftertrada, speciale capsule collection: la collezione prevede t-shirt e felpe con la scritta «Design & quality Ikea of Sweden» e un grande codice a barre, da abbinare, più una serie di accessori, come una borsa in tela, un ombrello, due teli da bagno e due borracce per l’acqua.

Prima di fare le cose in grande, Ikea sceglie però la via della prudenza, e lancerà Eftertrada in un primo momento solo sul mercato giapponese, per un periodo di tempo limitato (31 Luglio – 6 Agosto); facile immaginare che la risposta che si avrà determinerà se la collezione verrà successivamente distribuita su scala mondiale.

Pur non essendo il primo brand non “fashion” a fare un simile passo, la scelta di Ikea ha lasciato perplessi i più, vedendo nelle azioni del brand svedese più una prova di diversificazione produttiva che una vera voglia di investimento nel mondo della moda. Non resta che aspettare e vedere.

Cristina Izzo

Press Office, Press Reviewer, Web Content Creator, Collaborator for LaTuaNotizia,

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Gli scheletri raccontano: a Santa Lucia del Mela il secondo seminario di bioarcheologia umana

Dom Lug 26 , 2020
In programma per il secondo anno consecutivo il seminario di bioarcheologia umana rivolto a studenti di archeologia, scienze, e beni culturali che intendono formarsi sullo studio scientifico dei resti scheletrici umani provenienti da scavi