Facebook vs Amazon: arriva Facebook Shop

Read Time2 Minute, 35 Second

Nemmeno una pandemia ferma Mark Zuckerberg. Il presidente di Facebook ha presentato giusto qualche giorno fa l’ultima novità di casa Facebook: Facebook Shop. Le avvisaglie di novità erano nell’aria: tutto è cominciato da  Instagram, dove sono arrivate da poco nelle stories lo stickers a sostegno delle piccole attività ( chissà perché usato da grandi brand) e lo sticker per il Food Orders. Facebook non poteva certo rimanere indietro.

Era da tempo che la piattaforma di Zuckerberg si muoveva in questa direzione: in primis sono stati creati i servizi, dove le aziende potevano mettere a disposizione del proprio pubblico un’intera sezione delle loro pagine info e costi. Successivamente è stata la volta della Vetrina, dove poter esporre i prodotti, un vero catalogo, collegato al proprio sito e poter comperare. Naufragata la possibilità di creare la propria moneta, Facebook ha virato su un progetto più produttivo, anche se il campo in cui si trova a muovere trova già altri potenti giocare. Se Ebay ha perso il suo fascino dei tempi d’oro, certamente Amazon è il competitor più potente e difficile da battere, per non parlare degli e-commerce del lusso e di quelli di ciascun brand. Come competere? La risposta definitiva l’ha data la recente pandemia, in cui negozi e boutique hanno dovuto abbassare le loro saracinesche, e adesso, al momento della ripresa, non si sa se riusciranno a tenere il passo dei ricavi previsti, il tutto tenendo dipendenti e clienti in totale sicuirezza.

Durante il lockdown, sono stati proprio gli e-commerce a salvare i brand: piattaforme private, specie nel settore beauty, che hanno realizzato incassi da capogiro (vedi alla voce Estetista Cinica con la sua VeraLab) con promo irresistibili, il tutto ricordando costantemente la sicurezza dell’acquisto da casa. Serviva forse altro per convincere Zuckerberg a lanciarsi in questa nuova sfida?

Stringendo partnership conShopify, BigCommerce, WooCommerce, Channel Advisor, CedCommerce, Cafe24, Tienda Nube e Feedonomics, Facebook shop sarà un negozio virtuale semplice ed accattivante, col plus di connettere direttamente brand e utente tramite la possibilità inviare messaggi all’azienda attraverso WhatsApp, Messenger o Instagram direct per fare domande, ottenere supporto, monitorare le consegne. Ogni azienda potrà scegliere i prodotti da inserire nel catalogo e personalizzare il look and feel del negozio, grazie ad un’immagine di copertina e colori che rimandano al proprio brand. Vista la connessione sempre più stretta tra Instagram e Facebook, gli shop saranno disponibili sia sulla pagina Facebook sia sul profilo Instagram di un’azienda, nelle storie, negli annunci pubblicitari.

La data di lancio non è ancora prevista, si parla di mesi, ma sicuramente c’è chi è pronto a scommettere che i Facebook Shops saranno online entro il 2020. Una scelta democratica, quella di Facebook, perché degli shops potranno usufruirne tutte le azienda, a dispetto della loro portata, ma rimane un’incognita: anche in questo caso, per permettere a tutti di usufruirne, Facebook punterà prima sul numero dei like piuttosto che sulla qualità dei prodotti?

Non è un mistero che da qualche tempo su Instagram avere grandi numeri non sia sinonimo di contenuti originali e qualità. Avrà Marc imparato la lezione?

Cristina Izzo

Press Office, Press Reviewer, Web Content Creator, Collaborator for LaTuaNotizia,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Reddito di emergenza: dal 22 maggio online il servizio per presentare la domanda

Ven Mag 22 , 2020
È da oggi attivo il servizio per la presentazione delle domande di Reddito di Emergenza, misura straordinaria di sostegno al reddito introdotta per supportare i nuclei familiari in condizioni di difficoltà economica causata dall’emergenza epidemiologica da COVID-19, istituita dall’articolo 82 del decreto legge n. 34 del 19 maggio 2020.