Che Massimo Bottura fosse uno chef diverso dagli altri, era abbastanza chiaro: nessuno show, poca mondanità, tantissima attenzione a ciò che mette nel piatto e a chi lo serve. Niente a che vedere con gli chef da copertina a cui la televisione ha abituati gli ultimi anni.