Dal 24 agosto al 9 settembre torna Cinema in Cantina

Read Time4 Minute, 25 Second

Tra storia e leggenda, natura e arte, relax e scoperta. Torna Cinema in Cantina, l’appuntamento fisso dell’associazione Sole Luna – Un ponte tra le culture e del Consorzio di tutela della Doc Prosecco tra le vigne del Veneto e del Friuli – Venezia Giulia.

Un percorso fatto di cinema e buon vino, degustazioni e incontri con i registi, scoperta del genio rurale ed enologico del Nord est e della creatività di autori del territorio. Un mix che da cinque anni conquista cinefili, winelovers e anche tanti semplici curiosi, attraverso un programma collaudato: la visita guidata alle cantine all’ora dell’aperitivo, con la degustazione delle varie etichette di Prosecco Doc accompagnata da prodotti tipici del luogo e, a seguire, la visione di un film in insolite e affascinanti sale cinematografiche all’aperto, tra filari di uva al fresco di campagne verdeggianti e paesaggi di grande bellezza.

La rassegna avrà il via il 24 agosto dalla cantina Giusti Wine a Nervesa della Battaglia (Tv) e si concluderà il 9 settembre alla cantina Pizzolato di Villorba (Tv), attraversando altre 4 tenute del Prosecco DOC che complessivamente copre 28 mila ettari tra Veneto e Friuli – Venezia Giulia, coinvolge oltre 12 mila viticoltori e un migliaio di aziende vinificatrici.

Luoghi di bellezza e tradizione, con storie di lavoro, impegno e passione alle spalle: “La Marca” nel Castello Lucheschi di Colle Umberto (Tv); “Tenuta Polvaro” ad  Annone Veneto (Ve);  “Modeano” a Palazzolo dello Stella (Ud); e “Castello di Roncade”, a Roncade (Tv).

«Il dialogo con il Consorzio del Prosecco Doc va avanti con grande entusiasmo da diversi anni – dice Lucia Gotti Venturato, fondatrice e presidente dell’associazione Sole Luna – seguendo due tematiche in particolare: l’arte e il rapporto uomo-natura. Un tema, quest’ultimo, che è diventato il cuore anche del nostro Sole Luna doc Film festival. L’emergenza climatica e la sostenibilità sono questioni prioritarie per il futuro del pianeta e dell’uomo. Proprio per questo, da quest’anno abbiamo deciso di sperimentare la fattibilità di alcune proiezioni alimentate interamente con energia solare. L’incontro tra vino e cinema si è rivelato vincente anche durante il Covid, e siamo felici di riproporlo contribuendo anche alla causa ambientale».

«Sin dalla prima edizione di Sole Luna, nel 2012, quando il festival approdava a Treviso per la prima volta, come consorzio abbiamo ritenuto di sostenere le attività di questa manifestazione dall’alto contenuto artistico e culturale – afferma Stefano Zanette, presidente della Doc Prosecco – Nel tempo, alcuni filoni portati avanti dal festival sono risultati particolarmente affini ad aree tematiche per noi cruciali, come il tema dell’internazionalità e della contaminazione culturale, del rispetto ambientale e della valorizzazione del territorio attraverso l’espressione delle sue genialità. Per gemmazione da Sole Luna, abbiamo quindi contribuito a far nascere ‘Cinema in Cantina’, iniziativa che in questa quinta edizione assume una dimensione più ampia e connotati ancora più coinvolgenti e pregni di valori significativi. Un percorso che volentieri accompagniamo con le nostre bollicine di Prosecco DOC, a conferma che il sodalizio tra arte, cultura e convivialità, accompagnate dal buon vino, costituisce un’alleanza vincente e una risorsa per il territorio».

«I film in programma sono tutti di grande interesse e qualità stilistica – aggiungono i direttori artistici del Festival Chiara Andrich e Andrea Mura – Accanto a produzioni che raccontano la storia di geni italiani dell’arte come Tintoretto e Hugo Pratt, i titoli in programma affrontano anche la questione dei cambiamenti climatici attraverso storie e punti di vista originali. Le conseguenze di uno sfruttamento spregiudicato delle risorse naturali ricadono non solo sui luoghi colpiti ma sulle comunità che li abitano come avvenuto, ad esempio, a Venezia con l’alluvione catastrofica del 2019, al centro de La città delle Sirene di Giovanni Pellegrini; o come sta avvenendo in Georgia per l’hobby surreale dell’ex primo ministro di quel Paese, narrato dalla regista georgiana Salomé Jashi in Taming the garden. Recuperare l’equilibrio tra uomo e natura è una priorità del nostro tempo. Accanto agli effetti negativi dei cambiamenti climatici racconteremo la magia di luoghi incontaminati dove leggenda e natura si intrecciano. Il film Piccolo Corpo di Laura Samani ambientato in Friuli – Venezia Giulia è uno di questi; mentre Alcàrras della spagnola Carla Simon, racconta, attraverso una storia di finzione, di alcune aree della Catalogna dove in nome del progresso e di mega fattorie solari si stanno espiantando frutteti secolari».

Il via il 24 agosto alle 19:30, dunque, con il film “La città delle Sirene” (Italia, 2020, 65’) del regista veneziano Giovanni Pellegrini: racconto in prima persona dell’inondazione del 12 novembre 2019 che ha letteralmente sommerso Venezia. Gli altri film in programma: Hugo in Argentina di Stefano Knuchel (Svizzera, 2021, 97′); Taming the garden di Salomé Jashi  (Svizzera, Germania, Georgia 2021, 92’); Piccolo Corpo di Laura Samani (Italia 2021, 89′); Tintoretto, l’artista che uccise la pittura di Erminio Perocco (Italia 2022, 86′); Alcàrras di Carla Simon (Spagna, Italia 2022, 120′).

L’ingresso a tutte le serate è gratuito con prenotazione obbligatoria, scrivendo a solelunafest@gmail.com o telefonando alle singole cantine.

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Next Post

Roberta Torre torna al Festival di Venezia con "Le Favolose"

Sab Ago 13 , 2022
Succede spesso che in punto di morte le persone trans vengano private della loro identità. Il disconoscimento della propria identità resta per molte trans una seconda morte, quella della loro memoria. Le famiglie si vergognano e così funerale, cerimonia e tumulazione avvengono in gran segreto tra pochi intimi, frettolosamente manomesse […]