Ricetta d’autunno, vellutata di castagne e funghi porcini

Read Time1 Minute, 18 Second

Quando arriva l’autunno, ecco che sulle nostre tavole compare uno dei simboli per eccellenza di questa stagione: le castagne, un frutto una volta considerato povero che viene utilizzato moltissimo in cucina per la preparazione di primi, secondi e dolci. Oggi vi proponiamo la ricetta per preparare una buonissima vellutata di castagne e funghi, un piatto autunnale gustoso e profumato.

Ingredienti:
1 kg di castagne
100 g di scalogno
30 g di funghi porcini
1 l di brodo vegetale
rametti di rosmarino q.b.
olio extravergine di oliva q.b.
sale q.b.
pepe nero q.b.

Preparazione
Per prima cosa mettete una pentola d’acqua sul fuoco e preparate il brodo aggiungendo verdure o dado a piacere. Pulite le castagne e incidetele con la punta di un coltellino poi fatele cuocere in pentola a pressione per 12 minuti o per mezz’ora in una pentola classica con acqua.
A cottura ultimata lasciate intiepidire le castagne per qualche istante poi sbucciatele.
Sbucciate lo scalogno e affettatelo sottilmente poi pulite il rosmarino e tritatene gli aghi. Fate rosolare lo scalogno con un filo d’olio all’interno di una pentola capiente, aggiungete le castagne, i funghi, il rosmarino, sale e pepe. Lasciate insaporire per 1-2 minuti poi coprite con il brodo vegetale caldo.
Lasciate cuocere per 15-20 minuti circa e a cottura ultimata frullate il tutto con l’aiuto di un frullatore a immersione. Se necessario aggiungete anche altro brodo alla vellutata, per renderla ancora più cremosa passate la crema con un colino a maglie strette.
Servite la crema calda aggiungendo crostini di pane croccante.

Daniela Musarra

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Next Post

“101 scorie zen” (la vita, di nascosto) , la mostra fotografica di Martino Lo Cascio

Gio Ott 14 , 2021
Scorie dimenticate e simboli ritrovati. Brandelli di sogni abbandonati sull’arenile, piccole cose, tappi, cartacce, scorze d’arancia, mozziconi. Oggetti con una storia. Martino Lo Cascio è scrittore e narratore, ma non un fotografo: quindi i suoi scatti non aspirano alla bellezza canonica, non sono tecnicamente perfetti, non chiedono aiuto alla Leica ma si […]