Jill Lepore racconta la complessa e volubile America

Read Time1 Minute, 48 Second

L’America non è facile. L’America è di un avanzato civismo, dovete volerla fortemente perché vi farà combattere” affermava Michael Douglas in un film cult degli anni 90, Il Presidente – Una Storia d’Amore, ed è sicuramente un’espressione calzante per raccontare gli Stati Uniti d’America. Al centro dell’attenzione, adesso più che mai non solo per le imminenti elezioni presidenziali, per l’emergenza sanitaria, ma soprattutto per le manifestazioni antirazziste, i 51 stati a stella e strisce scoprono di non essere poi così tanto uniti. Un paese complesso, dalle mille sfaccettature, difficile da raccontare, eppure qualcuno alla prova si è messo.

Jill Lepore ha accettato la sfida e ha raccontato l’America nella sua ultima fatica, Queste Verità – Una storia degli Stati Uniti d’America ( Ed. Rizzoli, p. 1056, € 28,00, EBOOK € 14,99). Chi meglio di una docente di storia americana all’università di Harvard per comprendere meglio le disamine di un paese complicato? Nel suo saggio, la Lepore ripercorre tutta la storia americana moderna, dall’arrivo di Colombo ai turbolenti anni dell’amministrazione Trump, nel mezzo: il periodo delle colonie, l’indipendenza, la guerra di secessione, il boom economico e il progresso, il crac del ’29 e due guerre mondiali, i dorati anni ’50 e i rivoluzionari ’70, le guerre in Vietnam e in Iraq, le due presidenze Bush, il clamoroso avvento di Obama.

Ma la Lepore non ripercorre solo la storia, ma la narra tramite aneddoti rivelatori su grandi figure e personaggi dimenticati, storie di presidenti  e di avventurieri, ritratti di criminali e di idealisti, rendendo il lettore uno spettatore presente di fatti anche lontanissimi dalla sua epoca. E se anche alla fine del saggio non si hanno risposte sulle grandi contraddizione americane (come Perché, in quel giovane Paese votato alla libertà, non tutti erano liberi? Le razze diverse da quella bianca dominante, le donne, le persone omosessuali hanno potuto davvero esercitare  i loro “inalienabili diritti?), si ha una visione di insieme che fornisce interessanti chiavi di volta per una maggiore comprensione, e interessanti spunti di riflessione.

«Una nazione contraddittoria sin dalla sua nascita è destinata a discutere per sempre sul senso della propria storia».

Cristina Izzo

Press Office, Press Reviewer, Web Content Creator, Collaborator for LaTuaNotizia,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

"Nobel Minds": su Rai Storia una nuova serie per conoscere gli scienziati che hanno fatto grande l'Italia

Mar Giu 23 , 2020
Sette scienziati che hanno fatto grande l’Italia nel mondo, in discipline come la medicina, la fisica e l’economia, e che, per i loro studi e le loro scoperte, hanno ricevuto il massimo riconoscimento nel campo scientifico e culturale: il Premio Nobel.