Nasce Feat Food, il sito che vi mette a dieta e porta il cibo a casa

Read Time2 Minute, 21 Second

La cronologia dei nostri browser e la lista dei preferiti sul pc non mente: abbiamo un’app e un sito per tutto. Per meditare, per ricordarci di bere, per contare le ore di sonno (peccato che manchi quella che trovi il tempo per farci dormire), per leggere, per guardare film, per chattare, per indicarci la strada e una per suggerirci la ricetta da preparare. Peccato qualcosa per seguire la dieta, che non si riesce quasi mai a seguire. Ah no, adesso c’è la soluzione anche anche per questo.

Si chiama Feat Food e potrebbe diventare la miglior alleata dei fanatici del fitness e della dieta, con buona pace di smartwatch, fitbit e fitness influencer. Come funziona? In maniera semplice, e come tutte le cose semplici dietro nasconde complicati meccanismi: si accede al sito, dove l’utente inserisce parametri come peso, altezza, sesso, età, il proprio obiettivo (realistico, per favore) e il numero dei pasti che si intende fare.

Una volta compilato questo form, il sito elaborerà i dati e darà all’utente un piano alimentare adeguato. Mentre segue il piano indicato, l’utente potrà fornire il proprio feedback aggiornando settimanalmente i propri dati (va da sé che bisogna essere onesti, per non mentire sul peso, e realisti, per non deludere troppo le proprie aspettative), specificando se e quanto alla lettera segua il piano. Mensilmente, c’è il controllo del peso e, a seconda delle variazioni e dei risultati raggiunti, il sito modificherà il piano precedentemente stabilito.

Potrebbe sembrare un sito qualunque, ma la vera chicca di Feat Food arriva ora: l’utente non dovrà cucinare i pasti, perché Feat Food a portaglieli a casa, nella porzione indicata dal piano alimentare. Una meraviglia? Sicuro. Un’idea geniale? E’ quello che deve aver pensato Andrea Lippolis, ex giocatore di basket leccese: il ventisettenne ha raccontato che ha ideato Feat Food quando studiava all’Università di Milano, non aveva tempo per cucinare ma le necessità agonistiche richiedevano un’alimentazione sana ed equilibrata. Feat Food al momento si muove sul territorio milanese, ma il suo successo è andato ben oltre il semplice capoluogo lombardo, tanto da avere raccolto circa 2 milioni di euro di investimenti e, grazie ad una campagna su CrowdFundMe, vuole raccogliere quanto più possibile per fare il salto da startup ad azienda.

Per creare Feat Food, Lippolis si è avvalso della collaborazione di Francesco Pignatti,  nutrizionista e personal trainer, a riprova della bontà e della serietà del progetto (che tanto lo sanno tutti che le diete fai da te non funzionano mai): i due hanno stabilito i parametri nutrizionali e gli aspetti fondamentali da monitorare durante l’intero processo dell’utente.

In breve: creano una dieta ad hoc, seguono durante l’intero percorso, e portano i pasti a casa… ma non è l’ora di mettersi a dieta?

Cristina Izzo

Press Office, Press Reviewer, Web Content Creator, Collaborator for LaTuaNotizia,

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Ventennale della Convenzione Onu Palermo. La Ministra Azzolina in collegamento con 100 scuole e 12 case circondariali

Ven Ott 23 , 2020
Alla prima videoconferenza del centro Pio La Torre i saluti della ministra Lucia Azzolina: “La mafia perde tutta la sua forza davanti a chi, come la scuola, ti insegna ad alzare la testa”.