Nina, Lellè e U Mari, il cortometraggio che indaga negli abissi dell’anima

Read Time3 Minute, 14 Second

“Credo profondamente che le risposte alle grandi domande non possano che essere cercate negli abissi della nostra anima dove essa si fonde con le nostre radici e col nostro subconscio. Come trovare altrimenti un significato alle cose che ci accadono?”

“Nina, Lellè e u Mari”, cortometraggio di Maria Giulia Mutolo, narra la storia di due giovani innamorati che vivono in una casa decadente sul mare in Sicilia. Non sappiamo molto di loro, eccetto che, di punto in bianco, Lellè prenderà una decisione che cambierà radicalmente la sua vita, ma soprattutto la vita di Nina. Quando Nina sarà grande, cosa sarà rimasto di loro?

“Non ho mai pensato di raccontare questa storia fino a pochi mesi fa.” – Spiega Maria Giulia Mutolo – “Il tutto si svolgeva unicamente nella mia testa e, per di più, senza una continuità. Finché una mattina non mi sono svegliata e mi sono resa conto che sognando, avevo finalmente chiuso il cerchio. Avevo “visto” con chiarezza quale fosse il legame tra i singoli frammenti che in maniera persistente colonizzavano la mia mente da anni. Come diceva Virginia Woolf, nei sogni a volte la verità sommersa viene a galla. Non so se si tratti di verità, ma di certo si tratta di un tema che in modo ostinato, testardo e resistente ha segnato la mia vita. Pertanto, devo dedurre che sia una vera e propria necessità. Era per me impossibile parlare di un tema così universale, e allo stesso tempo così intimo, escludendo la potenza del sogno e dell’immaginazione. Credo profondamente che le risposte alle grandi domande non possano che essere cercate negli abissi della nostra anima dove essa si fonde con le nostre radici e col nostro subconscio. Come trovare altrimenti un significato alle cose che ci accadono? Una prima scelta registica è stata quella del non volere dare una precisa collocazione temporale alla narrazione. In fondo non ha alcuna importanza. Non è un caso che, pur viaggiando su piani temporali e di significato differenti, l’ambiente rimane immutato eccetto che per la presenza di Giulia e Peppe che si sostituiscono a Lellè in una ciclicità temporale caratteristica dei fenomeni della natura. Siamo noi esseri umani che cambiamo costantemente e cerchiamo di adattare le cose che ci stanno intorno per far sì che ci assomiglino di più. Spostiamo mobili, cambiamo colore alle pareti, buttiamo i servizi di piatti che ci hanno annoiato, ci tingiamo i capelli, seguiamo la moda e compriamo cibi pronti. In questa storia, tutto lo sforzo è orientato all’interno. Il lavoro del tempo leviga, smussa ed erode l’animo umano fintanto che gli permettiamo di farlo. È nel momento della resa che finalmente ci liberiamo. Nina è la protagonista. Lellè sceglie di non esserlo ma, inevitabilmente, sentiremo la sua presenza fino alla fine. I dialoghi tra i due sono pochi ed essenziali, il loro legame prende forma e diventa consistente nelle piccole cose di tutti i giorni, nella cura dei gesti, nel loro modo di essere adulti rimanendo apparentemente ingenui ed infantili grazie all’abitudine al gioco. Dentro Lellè però cresce un sanissimo dubbio. Il dubbio che oltre quella casa, oltre il profilo dell’orizzonte, oltre Nina, esista altro. E il dubbio diverrà sempre più grande e si trasformerà in irrequietezza e l’irrequietezza in insofferenza vera e propria fino a farlo letteralmente fuggire.”

“Nina e Lellè e u Mari”, che vede nel cast Linda Caridi (Nina), Gabriele Portoghese (Lelle’), Silvia D’Amico (Giulia), Raffaella D’Avella (Nina da Grande) e Tommaso Marzano (Peppe) è attualmente in concorso in vari Festival in Italia e si è già aggiudicato diversi premi tra cui: Los Angeles – Italia 2022 – The Italian Job, València Indie Film Festival 2022 – Official Selection – Best Director, Metropolis Film Festival 2022, Corto di Sera 2022, Luoghi dell’Anima Italian Film Festival 2022, Festival del Cinema di Cefalù 2022, Ischia Global Film Festival 2022.

S.C.

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Next Post

BALHARĀ – Il Duomo di Monreale come non l’avete mai visto

Lun Set 5 , 2022
Videomapping, visite immersive, degustazioni DocMonreale e i suoni di Angelo Sicurella: quattro giorni alla scoperta del complesso abbaziale 7 | 10  settembre Vivere il complesso abbaziale di Monreale nel suo enorme rivolo di letture differenti, arrivare fin lassù dove il Cristo Pantocratore ti accarezza con lo sguardo. E’ un’esperienza nuova, immersiva, stupefacente […]