Press "Enter" to skip to content

Panzanella toscana: la ricetta di LaTuaNotizia.it

Con il caldo basta un giorno e il pane diventa duro, impossibile da masticare.
Tante le ricette che hanno come protagoniste proprio lui, il pane raffermo.
Oggi vi propongo un piatto estivo di origini antichissime, la Panzanella Toscana, a base appunto di pane raffermo, pomodori e cipolle.
Un piatto povero di derivazione contadina, molto semplice, che non necessita di cottura.

La panzanella, come già scritto, è una ricetta tipica della Toscana, diffusasi ben presto in tutta l’Italia centrale. Il suo nome pare derivi dall’unione delle parole “pane” e “zanella”, che significa zuppiera, e si riferirebbe all’usanza, diffusa tra i contadini, di bagnare il famoso pane secco “sciocco”, cioè senza sale, per non buttarlo via, prima di unirlo alle verdure disponibili nel proprio orto, per avere una pietanza fresca e saporita.

Tante le varianti di questa ricetta, ecco la nostra versione.

Ingredienti
200 g circa di pane (possibilmente senza sale) raffermo di qualche giorno
una cipolla rossa dolce
2 bei pomodori maturi e sodi
1 cetriolo
olio extravergine d’oliva
aceto di vino
basilico
sale
pepe

Procedimento
Affettare il pane e metterlo in una ciotola e bagnarlo con acqua e aceto quel tanto che basta per inumidirlo, quindi strizzarlo, sbriciolarlo con le mani e raccoglierlo in una ciotola capiente.
Sbucciare le cipolle e affettarle sottilmente, e tenerla un po’ a bagno in acqua fresca con un goccio di aceto per addolcirla.
Sbucciare anche i cetrioli, recidere l’estremità, eliminare i semi e tagliarli a fette sottili, lavare accuratamente i pomodori e affettare anch’essi molto finemente.
Mettere tutto nella ciotola contenente il pane, quindi lavare e aggiungere anche il basilico spezzettandolo con le mani.
Condire con olio e sale e mescolare amalgamando tutto.
Una volta preparata, la panzanella dovrà essere riposta in frigorifero per almeno un’oretta in modo da far amalgamare perfettamente i sapori.
Sarà opportuno poi farla intiepidire un po’ prima di servirla così, come da tradizione, a temperatura ambiente.

Condividi

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mission News Theme by Compete Themes.