Si parla di superfoods

Read Time1 Minute, 50 Second

Il termine venne usato per la prima volta nel 1949 in un giornale canadese, nel quale si descrivevano alcune presunte qualità nutrizionali di un muffin.

Alla fine del XX e all’inizio del XXI secolo, il termine “superfood” era già usato come strumento di vendita per il commercio di alimenti specifici, integratori alimentari, cibi con additivi selezionati e testi di autoaiuto sulla terapia nutrizionale Superfood (supercibo) è un termine di marketing usato per indicare i cibi aventi presunte capacità benefiche per la salute, imputabili ad una parte delle caratteristiche nutrizionali o alla concentrazione chimica complessiva. I superfood godono spesso dell’appellativo di alimenti funzionali o cibi nutraceutici. Vengono considerati due sottoinsiemi del superfood quello dei superfruit (superfrutto) e dei supergrain (supercereali, come quinoa, amaranto, sesamo, teff ecc).

L’organizzazione olandese per la sicurezza alimentare “Voedingscentrum” ha riportato che, pur non avendo alcuna dimostrazione di qualsivoglia efficacia, gli “health claims marketers” propongono con maggior frequenza i seguenti prodotti: – Radice di ginseng – Guaranà – Bacche di goji – Semi di canapa – Semi di chia – Wheatgrass o erba di grano – Frutti di mirtillo rosso palustre – Frutto dell’albero del pane Sono prodotti più recenti: – Radice di curcuma – Fungo reishi – Papaya fermentata – Foglie di trifoglio rosso​- Foglie di vite rossa – Radice di zenzero – Alga spirulina – Semi di caffè verde crudo – Bacche di açaí – Melagrana – Frutti di noni – Semi di mangostano – Gingseng – Matcha – Yarsagumba Ai superfood vengono attribuite molte proprietà, ad esempio energizzanti e toniche – come nel caso del ginseng e del guaranà – oppure antiossidanti – come nel caso dei superfruit.

Inoltre, per soddisfare le esigenze della popolazione vegana, è stato largamente ampliato il commercio di semi eduli – con la speranza di riuscire a colmare le carenze alimentari di questo sistema nutrizionale. Se da un lato alcune proprietà possono risultare condivisibili – ad esempio, il contenuto di amminoacidi essenziali nei nuovi pseudocereali, cereali o legumi – dall’altro esiste non poca disinformazione. Il fatto che un cibo contenga molti antiossidanti non dovrebbe infatti lasciar pensare che possa in qualche modo prevenire l’invecchiamento o lo sviluppo di neoplasie.

In conclusione, viene suggerito di integrare questi alimenti all’interno di una dieta bilanciata, con la consapevolezza che hanno proprietà benefiche per il nostro organismo, ma non sono da considerarsi panacee o elisir di lunga vita​.

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Immortale Dante, il Sommo Poeta morì il 14 settembre 1321 ma la sua traccia è eterna

Mar Set 14 , 2021
Nei giorni delle celebrazioni per i settecento anni dalla morte di Dante Alighieri, avvenuta secondo gli storici nella notte tra il 13 e il 14 settembre 1321, Rai ricorda il Sommo Poeta con una programmazione dedicata.